Sei in: Home » Articoli

Bestemmie su Facebook: multa fino a 309 euro

Il blog cattolico Pontifex ha avviato da alcuni anni una vera e propria battaglia contro i gruppi blasfemi
uomo che offende qualcuno al computer su Facebook

di Valeria Zeppilli – Bestemmiare su Facebook può costare caro: ovverosia una multa compresa tra 51 e 309 euro.

Sebbene essere blasfemi non è più reato, il nostro ordinamento continua a sanzionare come illecito amministrativo l'utilizzo in pubblico di invettive o parole oltraggiose contro la divinità (leggi: "Bestemmiare è ancora reato?").

La norma di riferimento è rappresentata dall'articolo 724 del codice penale che può essere applicata anche laddove la bestemmia sia scritta su Facebook: è ormai incontestabile, infatti, che ciò che si scrive su questo social network sia paragonabile a ciò che si dice in pubblico.

Solo teoria? Assolutamente no!

Il blog cattolico Pontifex ha avviato una vera e propria battaglia contro tutti quei gruppi Facebook nei quali ci si lascia andare alla blasfemia in maniera incontrollata. Lo sanno bene le pagine "Radio Bestemmia", "Club della bestemmia" e "Confraternita dei frati bestemmianti", denunciati proprio da tale blog già da diversi anni.

L'opera di Pontifex, a garanzia del rispetto della sensibilità cattolica, si sta svolgendo ancora oggi a tutto campo e ha portato già numerose multe. Il blog, oltretutto, pretende anche la chiusura dei gruppi.

Chi pensa quindi che l'articolo 724 del codice penale sia una norma astratta, si sbaglia: il fatto che le conseguenze non siano più penali ma amministrative non vuol dire che la legge sia scomparsa. Essa c'è e il suo rispetto può essere reclamato.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(10/11/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi
Accedere all'email altrui è reato anche se si conosce la passwordAccedere all'email altrui è reato anche se si conosce la password

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF