Sei in: Home » Articoli

Forze di Polizia: assegnazione temporanea dell'agente madre ad altra sede

Commento alla sentenza del Tar Milano n. 331 del 30.01.2015
macchina della polizia che corre in autostrada
Avv. Francesco Pandolfi - La vicenda portata all'attenzione del Tar Milano, nella sentenza in commento (la n. 331/2015) ha per protagonista un'appartenente alla Polizia di Stato che chiede di essere assegnata temporaneamente ad altra Questura.

Nella richiesta, basata sull'art. 42 bis D. Lgs. n. 151/2001, spiega in modo convincente la propria necessità di assistere i figli minori.

In una parola: deve svolgere il proprio compito di madre.

Sembra però che il Ministero dell'Interno non ne voglia sapere e respinge l'istanza, senza spiegare le ragioni organizzative di ostacolo all'accoglimento della domanda.

Insomma, ancora un caso dove i motivi di diniego sono generici, anzi apparenti.

Di fronte alla resistenza dell'amministrazione, all'interessata non resta altro da fare che ricorrere all'avvocato e, quindi, al Giudice.

Cosa accade in tribunale


I Giudici si trovano di fronte un buon atto difensivo della ricorrente.

In effetti, mentre l'interessata mette una cura particolare nella spiegazione dei motivi della propria richiesta, il Ministero non spiega in dettaglio le sue ragioni e non chiarisce la situazione degli organici degli uffici interessati dalla richiesta che, a suo dire, sarebbero di ostacolo all'accoglimento.

In sintesi: l'Amministrazione non può negare questa assegnazione temporanea.

Il Tribunale giunge quindi ad una saggia e favorevole pronuncia, dopo che il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso sulla domanda cautelare promossa dalla ricorrente.

La sentenza


Il ricorso viene accolto e l'atto del Ministero viene annullato: il risultato è che l'amministrazione ha l'obbligo di pronunciarsi di nuovo sull'istanza di assegnazione temporanea, tendendo conto di quanto emerso nel processo.

Come comportarsi in casi simili


Il ruolo di genitore è un valore protetto a tutti i livelli normativi.

Affrontare con convinzione il ricorso quando l'amministrazione trascura l'esame dettagliato dell'istanza per assegnazione temporanea.


Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l'avv. Francesco Pandolfi

3286090590 francesco.pandolfi66@gmail.com

vedi sotto i link correlati
Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed è autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(20/09/2016 - Avv.Francesco Pandolfi)

Link correlati:
http://pandolfistudiolegale.it/tutela-della-famiglia-nel-mondo-militare/

Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Carta identità elettronica: come si richiede
» Gratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocati
» Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
» Pensioni: Ape volontaria, pronte le convenzioni
» Diritto di recesso: cos'è e come si esercita
In evidenza oggi
Cassazione: il pedone non ha sempre ragioneCassazione: il pedone non ha sempre ragione
Autovelox: addio multa sul rettilineo senza l'altAutovelox: addio multa sul rettilineo senza l'alt

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF