Sei in: Home » Articoli

Cassazione: minacce reiterate? Scatta anche il reato di stalking

E il reato di atti persecutori è integrato anche se i fatti si sono svolti in un arco temporale molto ristretto
Uomo arrabbiato che punta il dito in segno di minaccia

di Valeria Zeppilli – Anche minacciare di morte e molestare un conoscente e i suoi familiari può far scattare anche una condanna per stalking.

Con la sentenza numero 38233/2016, depositata il 14 settembre e qui sotto allegata, la Corte di cassazione ha infatti confermato quanto deciso dai giudici del merito che avevano riconosciuto colpevole del reato di atti persecutori un uomo che aveva reiteratamente minacciato e molestato un suo conoscente, sua moglie e sua sorella.

Con l'occasione, i giudici hanno sottolineato che l'obiettivo dell'introduzione della fattispecie di cui all'articolo 612-bis c.p. è stato quello di riempire un vuoto di tutela rispetto a condotte che non sono di per sé violente ma sono idonee ad arrecare un notevole turbamento nella vittima.

Anche la minaccia di morte, specie se unita ad altre forme di molestia, può dunque rappresentare stalking.

Affinché vi sia reato, tuttavia, è fondamentale che la condotta sia reiterata (e siano poste in essere anche due sole condotte tra quelle descritte dalla norma), mentre un solo episodio, seppur grave e idoneo a ingenerare ansia, non basta a determinare la lesione del bene giuridico protetto dall'articolo 612-bis.

In ogni caso, il delitto può configurarsi anche quando le singole condotte sono reiterate in un arco di tempo molto ristretto, purché si tratti di atti autonomi e la loro reiterazione sia la causa effettiva di uno degli eventi che la norma incriminatrice considera.

Insomma: come ricordato dalla Corte, con riferimento allo stalking è l'atteggiamento persecutorio che assume una offensività specifica e autonoma e per valutarne la specificità occorre guardare alla condotta persecutoria nel suo complesso.

Con l'occasione i giudici si sono soffermati anche sul concetto di cambiamento delle abitudini di vita, precisando che per individuare tale evento occorre considerare il significato e le conseguenze emotive degli atti persecutori sulla vita della vittima e non limitarsi a valutare quantitativamente le variazioni apportate.

Corte di cassazione testo sentenza numero 38233/2016
Vedi anche:
La guida completa sul reato di stalking
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(16/09/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi
Accedere all'email altrui è reato anche se si conosce la passwordAccedere all'email altrui è reato anche se si conosce la password

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF