Sei in: Home » Articoli

Separazione: addebito all'ex marito che non educa i figli e li maltratta

Per il Tribunale di Taranto l'irreversibilità della crisi coniugale è dipesa dal comportamento dell'uomo venuto meno ai suoi doveri coniugali
Bambino triste
di Lucia Izzo - La separazione va addebitata all'ex marito se questi, piuttosto che adempiere al dovere di educare i figli, finisce per maltrattarli. Il giudice, infatti, per determinare l'addebito, deve operare una valutazione complessiva e comparativa delle dinamiche del rapporto coniugale, tenendo conto delle norme che disciplinano i doveri tra i coniugi.

Lo ha disposto il Tribunale di Taranto, prima sezione civile, nella sentenza n. 1465/2016 che ha confermato che l'irreversibilità della crisi coniugale è dipesa dal comportamento del marito che è venuto meno ai suoi doveri circa l'educazione dei figli, arrivando al maltrattamento psico-fisico della prole.

A norma dell'art. 151 c.c., infatti, "Il giudice, pronunziando la separazione, dichiara, ove ne ricorrano le circostanze e ne sia richiesto, a quale dei coniugi sia addebitabile la separazione, in considerazione del suo comportamento contrario ai doveri che derivano dal matrimonio".

Nel caso di specie, il giudice ha operato una valutazione discrezionale e la sua decisione si inserisce nel solco tracciato dalla ratio ispiratrice della nuova disciplina del diritto di famiglia, a seguito del superamento dello schema dell'elencazione delle "colpe" dei coniugi ai fini della determinazione di addebitabilità.

La stessa Cassazione ha mostrato di aderire a questa tipologia di valutazione operata dai giudici di merito, poichè l'addebito della separazione si fonda ora sulla prova che la crisi coniugale irreversibile è derivata dal comportamento contrario ai doveri coniugali posto in essere da uno o entrambi i coniugi volontariamente e consapevolmente. In sostanza si richiede sussistente un nesso di causalità tra i comportamenti addebitati e l'intollerabilità della convivenza.

(25/08/2016 - Lucia Izzo)
In evidenza oggi:
» Il ricorso al Prefetto per impugnare una contravvenzione. Guida con fac-simile
» Arriva il conto corrente gratis per redditi bassi e pensionati
» Bonus avvocati 2018: domande entro il 10 febbraio
» Mantenimento: verso l'addio al tenore di vita anche per il coniuge separato
» Calcola il codice fiscale online


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss