Sei in: Home » Articoli

I diritti dei conviventi nel nuovo art. 230-ter del codice civile

La tutela ad hoc inserita nella legge n. 76/2016 sulle unioni civili e le coppie di fatto
piatti bilancia in equilibrio simbolo di giustizia

Avv. Giulia Menoni - La legge n. 76 del 20.05.2016 "Regolamentazione delle unioni civili tra persone delle stesso sesso e disciplina delle convivenze", entrata in vigore il 05.06.2016 (qui sotto allegata), ha introdotto nel nostro ordinamento due nuovi istituti, quello delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e quello delle convivenze di fatto.

La nuova legge è composta da un unico articolo suddiviso in vari commi.
Il comma 46 ha inserito nel codice civile l'art. 230 ter che disciplina i diritti del convivente all'interno dell'impresa familiare.

Il nuovo articolo recita: "Al convivente di fatto che presti stabilmente la propria opera all'interno dell'impresa dell'altro convivente spetta una partecipazione agli utili dell'impresa familiare ed ai beni acquistati con essi nonche' agli incrementi dell'azienda, anche in ordine all'avviamento, commisurata al lavoro prestato. Il diritto di partecipazione non spetta qualora tra i conviventi esista un rapporto di societa' o di lavoro subordinato".

L'introduzione di questa norma si è resa necessaria per attribuire una tutela effettiva ai conviventi di fatto che collaborino in un'attività d'impresa.

page1image10008

Si è così risolto il contrasto formatosi in dottrina e in giurisprudenza circa l'applicabilità della disciplina dell'impresa familiare di cui all'art. 230 bis c.c., alla convivenza more uxorio.


Soggetti destinatari

Ai fini dell'applicabilità della nuova disciplina dell'impresa familiare prevista dall'articolo in commento è necessario che la convivenza "si instauri tra due persone maggiorenni, unite stabilmente da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale non vincolate da rapporti di parentela, affinità o adozione, da matrimonio o da unione civile".

Per l'accertamento di una stabile convivenza dovrà risultare una coabitazione dal certificato di stato di famiglia.
I conviventi possono essere due persone dello stesso sesso o di sesso diverso, ma non devono aver contratto matrimonio o un'unione civile, né tanto meno essere parenti.

Oggetto della norma

Al fine di godere dei diritti riconosciuti dalla norma in commento occorre che il convivente di fatto «presti stabilmente la propria opera all'interno dell'impresa dell'altro convivente».

Dalla lettura della norma, si evidenziano immediatamente le differenze rispetto alla disciplina contenuta nell'art. 230 bis.

page2image10208 page2image10368 page2image10528

In quest'ultima disposizione, infatti, si tutela il familiare che presta in modo continuativo la propria attività lavorativa nella famiglia o nell'impresa familiare. In particolare, l'attività del familiare deve essere prestata con costanza e regolarità, senza essere necessariamente un'attività esclusiva, tanto nell'impresa quanto nella famiglia, ossia anche mediante lo svolgimento di mansioni domestiche e casalinghe, purché strumentali all'esercizio dell'attività d'impresa.

Nella norma in commento, invece, si richiede che il convivente presti la propria attività professionale con carattere di stabilità.
Tale attività deve essere prestata all'interno dell'impresa dell'altro convivente, escludendo così rilievo al lavoro domestico o casalingo svolto all'interno della famiglia, ancorché finalizzato all'attività d'impresa.

I diritti dei conviventi nell'impresa familiare

Al convivente in base all'art. 230 ter c.c. è riconosciuto il diritto di partecipare agli utili e ai beni con essi acquistati, nonché agli incrementi dell'azienda, anche in ordine all'avviamento.

Come nell'art. 230 bis, il riconoscimento di tali diritti deve essere commisurato al lavoro prestato dal convivente nell'impresa.

page3image9384 page3image9544

Analogamente a quanto disposto dall'art. 230 bis c.c., secondo il quale la normativa dell'impresa familiare non si applica ove sia configurabile un diverso rapporto, l'art. 230 ter c.c. afferma che il diritto di partecipazione non spetta qualora tra i conviventi esista un rapporto di società o di lavoro subordinato.

Al convivente, al contrario di quanto previsto all'art. 230 bis c.c. per il coniuge, non spetta il diritto al mantenimento secondo la condizione patrimoniale della famiglia e soprattutto non può vantare diritti sui beni acquistati e sugli incrementi dell'azienda.

Nessun riferimento viene fatto nella nuova norma al profilo decisionale, pertanto, il convivente non potrà prendere parte all'assunzione delle decisioni gestionali previste dall'art. 230 bis c.c. Ugualmente, non è previsto il diritto di prelazione in caso di divisione ereditaria o di trasferimento dell'azienda.

Avv. Giulia Menoni

giuliamenoni@libero.it

Legge n. 76/2016
(28/07/2016 - VV AA) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» La responsabilità oggettiva
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» L'accollo
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
In evidenza oggi
Responsabilità medica: la prova del danno spetta al pazienteResponsabilità medica: la prova del danno spetta al paziente
Rischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figliRischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figli

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF