Sei in: Home » Articoli

Assegni contraffatti: la banca che paga è responsabile solo se il falso è evidente

L'istituto di credito risponde di un tale pagamento solo quando, in base alle conoscenze del bancario medio, l'alterazione poteva essere rilevata ictu oculi
mano di imprenditore che consegna assegno ad altra persona

di Valeria Zeppilli – Oggi i falsari sono sempre più abili a porre in essere le loro "malefatte". Cosa accade quindi se un assegno è contraffatto talmente bene che la banca decide di pagarlo? Per la Corte di cassazione, se l'abilità del falsario non rende possibile rilevare l'alterazione con la diligenza dell'operatore bancario, l'istituto di credito va esente da responsabilità.

Più nel dettaglio, nella sentenza numero 12806/2016 depositata il 21 giugno (qui sotto allegata) i giudici hanno affermato che in caso di falsificazione di un assegno occorre far riferimento all'articolo 1176, secondo comma, e all'articolo 1992, secondo comma del codice civile.

Di conseguenza, non è detto che pagare un assegno in favore di un soggetto diverso dal suo reale beneficiario comporti responsabilità della banca se questo risulti solo apparentemente legittimato a riscuotere: la valutazione del comportamento va infatti condotta tenendo in considerazione il parametro della diligenza professionale.

Ed è proprio in applicazione di tali criterio che è possibile chiamare l'istituto di credito a rispondere di un tale pagamento solo quando, in base alle conoscenze del bancario medio, l'alterazione può essere rilevata ictu oculi.

L'operatore bancario, del resto, non è innanzitutto tenuto ad avere le conoscenze di un esperto grafologo, né è assistito nella sua attività da attrezzature adeguate a scovare la falsificazione.

Nel caso di specie, il contraffattore aveva provveduto a falsificare l'assegno utilizzando un nastro politecnico con carbon black e solo l'utilizzo di strumenti specifici avrebbe permesso di accorgersi dell'inganno.

La banca non deve quindi risarcire alcunché.

Corte di cassazione testo sentenza numero 12806/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(23/06/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Mense e scuole senza menu vegano? In arrivo multe fino a 18mila euro
» Reato di invasione di edifici: in arrivo multe fino a 2mila euro
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso

Newsletter f g+ t in Rss