Sei in: Home » Articoli
 » scuola

Professioni: arriva l'albo dei pizzaioli

La proposta di legge presentata oggi mira ad istituire anche la giornata nazionale della pizza
pizzaiolo con sfondo golfo Napoli

di Marina Crisafi – L'albo nazionale dei pizzaioli e la giornata nazionale della pizza. Sono questi gli obiettivi del ddl presentato oggi da 22 senatori del centrodestra per dare il dovuto riconoscimento a quanti svolgono una professione che riguarda uno dei settori del made in Italy più noto al mondo e che rappresenta circa il 50% del fatturato della ristorazione ma che ad oggi, si legge nella relazione al testo, sono "lavoratori fantasma".

Forti anche della candidatura della pizza a patrimonio dell'Unesco, i 150mila pizzaioli italiani potranno raggiungere presto questo traguardo grazie alla proposta per la "Disciplina dell'attività, riconoscimento della qualifica e istituzione dell'albo nazionale dei pizzaioli professionisti" presentata oggi al Senato.

Il testo del ddl, che ha come primo firmatario il senatore FI Bartolomeo Amidei e relatrice in commissione la senatrice FI Paola Pelino, prevede il riconoscimento della qualifica di pizzaiolo a chiunque consegua il diploma rilasciato esclusivamente dalle associazioni riconosciute, chiamate a loro volta ad attestare lo svolgimento da parte dei nuovi professionisti di una verifica teorico-pratica.

Nei nove articoli del ddl vengono disciplinati in modo puntuale i requisiti per ottenere il diploma che prevedono il superamento della prova e la frequenza di un corso di almeno 120 ore, con almeno 40 ore di laboratorio, 20 di scienza dell'alimentazione, 30 di lingue straniere e altrettante di igiene e somministrazione degli alimenti.

Il diploma avrà validità quinquennale e sarà soggetto a corsi di aggiornamento.

La proposta prevede anche l'istituzione di un albo, la cui iscrizione è condizione necessaria per l'esercizio dell'attività.

Il testo istituisce, altresì, la giornata italiana della pizza.

Il ddl è stato già calendarizzato in commissione industria e in agenda ci sono già 25 audizioni da svolgere con i soggetti competenti. L'auspicio dei promotori è ora quello di riuscire ad ottenere "la sede deliberante per un ddl di interesse generale, in modo da velocizzarne l'iter a palazzo Madama e magari di ottenerne l'approvazione definitiva entro l'anno".

Disegno di legge pizzaioli
(21/06/2016 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione

Newsletter f g+ t in Rss