Sei in: Home » Articoli

Mantenimento: l'assegno alla ex non cambia se tra separazione e divorzio passano molti anni

Somma immutata se dal confronto tra il tenore di vita goduto in costanza di matrimonio e quello attuale non emergono cambiamenti
donna con vestito da sposa che chiede soldi al marito
di Lucia Izzo - Nessuna modifica all'assegno divorzile il cui importo può rimanere immutato anche a distanza di molti anni se dal confronto tra il tenore di vita goduto in costanza di matrimonio e quello attuale non emergono sostanziali cambiamenti.
Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, sesta sezione civile, nell'ordinanza n. 12542/2016 che ha dichiarato inammissibile il ricorso di un ex marito teso a rideterminare il contributo divorzile fissato a suo carico.

La sentenza che aveva dichiarato la cessazione degli effetti civili del matrimonio, ha, infatti, riconosciuto all'ex moglie un assegno divorzile pari a 400 euro mensili, una decisione confermata anche in sede di gravame.
L'ex marito ricorre in Cassazione evidenziando al Collegio che sono trascorsi ben 14 anni tra l'omologazione della separazione consensuale e la pubblicazione della sentenza di divorzio.

Per il giudice di legittimità, ciononostante, il ricorso è palesemente infondato: gli Ermellini precisano che è un principio pacifico in giurisprudenza quello secondo cui "l'assegno divorzile deve essere riconosciuto e determinato con riferimento alle condizioni reddituali e patrimoniali dei coniugi al momento della pronuncia del divorzio".

È proprio a tale momento che i giudici di merito hanno fatto riferimento nella controversia di cui è causa per determinare l'ammontare del'assegno. Rilevante per confermare la legittimità della determinazione è anche l'operato raffronto con il tenore di vita goduto dai coniugi nel corso del matrimonio poichè non è emerso negli anni alcun elemento che consenta di ritenere che esso sia sostanzialmente mutato nel lungo periodo intercorso tra la separazione e il divorzio.



Cass., Vi sez. civ., ord. 12542/2016
(19/06/2016 - Lucia Izzo) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» La cambiale - Guida Legale
» Aspettativa non retribuita: cos'è e come si ottiene
» Carta identità elettronica: come si richiede
» Le diverse tipologie di servitù
» Rischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figli
In evidenza oggi
Cassazione: lei ci sta poi ci ripensa? Resta grave la violenza sessualeCassazione: lei ci sta poi ci ripensa? Resta grave la violenza sessuale
Cassazione: il pedone non ha sempre ragioneCassazione: il pedone non ha sempre ragione

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF