Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Auto: scatta la multa se l'antifurto suona per più di tre minuti

Ecco le norme che limitano la durata massima del rumore
donna disattiva antifurto auto

di Valeria Zeppilli – L'antifurto in auto è diventato uno strumento sempre più indispensabile, specie se si considera che, secondo un'analisi LoJack commissionata dal Ministero dell'Interno, in media in italia vengono rubate ben 14 auto ogni ora e che solo nel 2015, sono state rubati più di 120mila veicoli.

Ma se munirsi di antifurto è un sacrosanto diritto è anche vero che ci sono regole da rispettare, specie in relazione al limite di emissione di rumori.

Se una volta entrato in funzione, l'allarme continua a suonare per più di tre minuti, si incorre in una violazione del codice della strada.

E' l'articolo 155 innanzitutto che, come da chiara rubrica, impone la "limitazione dei rumori".

A soffermarsi sui suoni prodotti dai dispositivi di allarme acustico antifurto installati sui veicoli, più nel dettaglio, è il comma 4, il quale prevede che questi non possono superare i tempi massimi previsti dal regolamento di attuazione (in particolare dall'articolo 350) e, in ogni caso, i limiti massimi di esposizione al rumore che sono stati fissati con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri il 1° marzo 1991.

Per quanto riguarda la durata, ciò vuol dire che i dispositivi devono essere tarati in maniera tale da evitare che il suono prodotto in caso di azionamento duri per più di tre minuti continuativi.

La sanzione? E' prevista dell'articolo 155 del codice della strada: da 41 euro a 169 euro!

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(28/05/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Auto: multe da 712 euro per chi circola con targa estera
» Asili e case di riposo: in arrivo le telecamere
» Bruciare rami e sterpaglie è reato?
» Arriva il certificato di successione
» Inps: le somme pagate in più non vanno restituite

Newsletter f g+ t in Rss