Tasse prima casa: potrebbero tornare presto

A chiederlo è l'Europa nelle raccomandazioni all'Italia sul programma di stabilità 2016-2017
tasse sulla prima casa

di Marina Crisafi - Togliere le tasse sulla prima casa è stato un errore. A dirlo esplicitamente è la Commissione europea che nelle raccomandazioni all'Italia sul programma di Stabilità 2016-2017, sostiene sia "meglio reintrodurle".

Le raccomandazioni toccano tutti i punti degli scorsi anni: i conti pubblici, la lotta all'evasione, le banche, la giustizia, il catasto, la concorrenza, le professioni, il lavoro, e non ultima la tassazione sulla casa.

Nella lettera recapitata da Bruxelles all'Italia, la commissione si dichiara pronta a concedere la flessibilità di bilancio richiesta dall'esecutivo italiano, ma insiste su un maggior fisco sul mattone. Quello che l'Europa chiede è in sostanza una netta inversione di rotta, il che tradotto, come spiega il quotidiano ItaliaOggi, significa dirottare la "pressione fiscale dai fattori produttivi e dai consumi in direzione degli immobili".

Altre tirate d'orecchie riguardano: il nuovo catasto che, richiedono i commissari, va approntato entro giugno 2017; la previsione di misure antievasione come ricevute e pagamenti elettronici; la spinta sull'acceleratore nella lotta alla corruzione e per la riduzione dei crediti deteriorati, migliorando la legislazione sull'insolvenza e la riscossione; la riduzione dei processi civili; l'adozione di una strategia nazionale antipovertà, l'attuazione della legge sulla concorrenza, della riforma del lavoro, di quella della P.A. e del programma di privatizzazioni attraverso i cui proventi si dovrebbe ridurre il debito. E, infine, lo spostamento del carico fiscale verso gli immobili, con il ritorno appunto della tassazione anche sulla prima casa.

(23/05/2016 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Affido condiviso: sì a diritto di visita rigido per tutelare i figli
» Reato di invasione di edifici: in arrivo multe fino a 2mila euro
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso

Newsletter f g+ t in Rss