Sei in: Home » Articoli

Stipendi da fame: sempre ammissibile il pignoramento del quinto

Per il tribunale di Messina non opera il limite della "soglia di sopravvivenza" in caso di pignoramento di stipendio anche di esiguo ammontare
uomo che mostra le tasche vuote

Avv. Antonio Cardile - Sugli stipendi non opera il limite dell'impignorabilità del minimo indispensabile per vivere, per cui il pignoramento del quinto è sempre possibile. Lo ha affermato il Tribunale di Messina, nell'interessante pronuncia del 18 maggio 2016 (qui sotto allegata) che costituisce una delle prime applicazioni dei principi recentemente espressi dalla Corte Costituzionale in materia di limiti di pignorabilità della retribuzione.

La vicenda prende spunto da un pignoramento presso terzi gravante sullo stipendio di un lavoratore dipendente, che ha proposto opposizione all'esecuzione alla luce della propria precaria situazione economica (caratterizzata da una precedente cessione del quinto dello stipendio, dalla necessità di corrispondere i canoni di locazione e da esborsi periodici per i canoni di locazione della casa di abitazione e per gli alimenti per i figli).

Il debitore ha sostenuto che il proprio stipendio debba ritenersi impignorabile in quanto di esiguo ammontare ed al di sotto della c.d. "soglia di sopravvivenza".

Il Tribunale, con l'ordinanza collegiale in commento, ha revocato l'ordinanza di sospensione con cui il Giudice dell'Esecuzione aveva sospeso il processo esecutivo, ribadendo la necessità di bilanciamento di due contrapposti interessi: quello di soddisfare le normali esigenze di vita (cui ha diritto il debitore inadempiente esecutato, dipendente pubblico o privato) e quello - del creditore procedente - di vedere riconosciute e realizzate le proprie ragioni creditorie.

In particolare il Tribunale di Messina, richiamando il recentissimo pronunciamento della Consulta (Corte Costituzionale, sentenza 21 ottobre – 3 dicembre 2015, n. 248), ha confermato la pignorabilità degli stipendi di chi guadagna "poco", chiarendo che è sempre possibile il pignoramento del quinto dello stipendio anche se di minimi importi, diversamente da quanto invece avviene nel caso in cui venga pignorata una pensione.

Condivisibilmente il trattamento pensionistico non è stato ritenuto "assimilabile a quello stipendiale; per quest'ultimo infatti non opera il limite dell'impignorabilità del minimo indispensabile per vivere", trattandosi di "un inconveniente che per quanto socialmente doloroso" è rispondente al dettato costituzionale "in ragione dell'esigenza di non vanificare la garanzia del credito".

Il tutto in conformità a quanto a suo tempo precisato dalla Corte Costituzionale con ordinanza n. 225/2002 che, dichiarando manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale del 1° comma dell'art. 545 c.p.c. nella parte in cui predetermina la pignorabilità dello stipendio o salario nella misura di un quinto, ha evidenziato che "…il legislatore, nella sua discrezionalità, al fine di assicurare il contemperamento dell'interesse del creditore…con quello del debitore, che percepisca da un privato uno stipendio o un salario, ha previsto un limite fisso percentuale ragionevolmente contenuto (articolo 545, 4 comma, c.p.c.) non essendo obbligato a rimettere in ogni caso la determinazione del limite ad una scelta del Giudice…".

Il contemperamento tra le ragioni creditorie ed esigenze del debitore, pertanto, si realizza proprio nella previsione del limite del "quinto pignorabile": trattandosi – invero - di una percentuale la somma pignorabile è tanto minore quanto più basso è il reddito, senza così comportare sacrifici "eccessivi" per il debitore.

La tutela della certezza dei rapporti giuridici, inscindibilmente collegata agli strumenti di protezione del credito personale, non consente in alcun caso di negare la pignorabilità degli emolumenti, ma soltanto di attenuarla entro il limite predetto.

Dal calcolo del quinto pignorabile, pertanto, il Tribunale ha escluso solo le somme versate in favore dei figli, trattandosi di un credito alimentare, condannando l'opponente – in virtù del principio della soccombenza di cui all'art. 91 c.p.c – anche alla rifusione delle spese processuali.


Avv. Antonio Cardile

Patrocinante in Cassazione

Via San Filippo Bianchi, 54

98122 Messina

Tel. 090 675242 - Fax 090 674488

mail avv.cardile1968@libero.it

Tribunale Messina, ordinanza del 18.5.2016
(20/05/2016 - VV AA)
In evidenza oggi:
» Divorzio: sì all'assegno alla moglie anziana e con pensione minima
» Avvocati: ecco le nuove tariffe
» Stalking: il reato di "atti persecutori"
» Avvocati: firmato il nuovo decreto sui compensi
» Avvocati: ecco le nuove tariffe


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF