Bonus baby sitter: disponibili solo online

Lo comunica l'Inps nella circolare allegata
babysitter che gioca con bambino

di Marina Crisafi - I bonus per pagare la baby sitter non saranno pi¨ disponibili in modalitÓ cartacea ma soltanto online. Lo comunica l'Inps nella circolare n. 75/2016 (qui sotto allegata), ufficializzando il passaggio alle nuove regole giÓ annunciato lo scorso anno.

I voucher cartacei, infatti, aveva comunicato l'ente in una precedente circolare (n. 149/2015) sarebbero stati erogati presso le sedi territoriali fino alla fine del 2015, in aderenza al principio di tracciabilitÓ dei buoni lavoro previsto dal d.lgs. n. 81/2015.

Ora, pertanto, le mamme che vogliono utilizzarli devono richiedere il codice Pin all'ente (o in alternativa usare la Carta nazionale dei servizi o lo Spid) per richiederli direttamente sul sito internet dell'Inps, anche laddove la domanda di accesso al beneficio sia stata presentata tramite patronato.

Dopo aver ottenuto il codice, la procedura per entrare in possesso del bonus ricalca quella del lavoro accessorio, come illustrato nell'allegato alla circolare (qui sotto disponibile).

Sempre tramite il sito dell'Inps si potranno gestire i voucher, comunicare l'inizio della prestazione e la consuntivazione al termine della stessa, oltre a restituire quelli non fruiti.

Il bonus baby sitter, si ricorda, introdotti dalla l. n. 92/2012 (art. 4, comma 24, lett. B), in via sperimentale per il triennio 2013-2015 e prorogati dall'ultima legge di stabilitÓ, consistono nella possibilitÓ per la madre lavoratrice di richiedere, al termine del congedo di maternitÓ ed entro gli 11 mesi successivi, alternativamente al congedo parentale, un voucher per la fruizione dei servizi di baby sitting ovvero un contributo per far fronte ai costi della rete pubblica dei servizi per l'infanzia (o di quelli privati accreditati) per un massimo di 6 mesi.

La circolare dell'Inps sui voucher baby sitter
Allegato alla circolare Inps n. 75/2016
(10/05/2016 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Colpo di frusta: si al risarcimento anche senza esami strumentali
» Cassazione: lo screenshot vale come prova
» Cassazione: lo screenshot vale come prova
» Telefono: i costi di disattivazione sono illegittimi
» Ecco chi Ŕ Giuseppe Conte, il premier in lizza


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss