Sei in: Home » Articoli

Niente gratuito patrocinio se il ricorso Ŕ irricevibile

Per il Tribunale Ue, se l'atto non Ŕ impugnabile la richiesta va respinta senza neppure esaminare le condizioni previste dall'art. 146 del regolamento di procedura
giudice sentenza martello
di Lucia Izzo - Il Tribunale dell'Unione Europea pu˛ respingere la richiesta di gratuito patrocinio se il ricorso che la parte intende presentare risulta manifestamente irricevibile; non sarÓ, quindi, necessario esaminare le condizioni previste dall'art. 146, paragrafo 2, del regolamento di procedura.

╚ questo ci˛ che ha stabilito il Tribunale dell'Unione nell'ordinanza T46/16 (qui sotto allegata) decidendo sulla domanda di ammissione gratuito patrocinio promossa da un cittadino italiano per poter presentare un ricorso volto all'annullamento della decisione della Commissione europea che ha registrato la proposta d'iniziativa dei cittadini intitolata "Mum, Dad &Kids - Europea Citizens' Initiative to protect Marriage and Family".

I giudici rammentano che, secondo l'art. 146, paragrafi 1 e 2, del regolamento di procedura, la concessione del gratuito patrocinio Ŕ assoggettata alla duplice condizione che, da un lato, il richiedente, in ragione della propria situazione economica, si trovi nell'incapacitÓ totale o parziale di far fronte alle spese collegate all'assistenza e alla rappresentanza in giudizio dinanzi al Tribunale e, dall'altra, la sua azione non appaia manifestamente irricevibile o manifestamente infondata in diritto.

Nel caso di specie, la domanda del richiedete deve essere respinta senza che sia necessario valutare la sua situazione economica, proprio in quanto l'azione che intende proporre risulta manifestamente irricevibile.
Secondo costante giurisprudenza, infatti, costituiscono atti o decisioni che possono formare oggetto di un ricorso di annullamento, ai sensi dell'art. 263 TFUE, solo i provvedimento che producono effetti giuridici obbligatori idonei a incidere sugli sineresi del ricorrente, modificando in misura rilavante la sua situazione giuridica.

Si tratta di decisioni che producono effetti che vanno al di lÓ del semplice ambito procedurale, modificando i diritti e gli obblighi degli interessati sul piano sostanziale.
Tuttavia, anche decisioni di carattere procedurale, chiarisce il Tribunale, possono essere impugnate laddove arrechino pregiudizio a diritti procedurali.

Nel caso di specie, la decisione della Commissione contro la quale il ricorrente intende procedere per l'annullamento, ha solo registrato una proposta di iniziativa dei cittadini, limitandosi dunque a decidere in una "prima fase" a cui dovrÓ seguire un completamento.
Si tratta, in sostanza, di una decisione che non modifica i diritti e gli obblighi del ricorrente sul piano sostanziale e non attenta neppure ai soli diritti procedurali, quindi non costituisce un atto impugnabile.
Dovendosi dichiarare irricevibile il ricorso, la domanda di gratuito patrocinio va anch'essa respinta.

Vedi allegato
(27/04/2016 - Lucia Izzo)
Le pi¨ lette:
» La responsabilitÓ oggettiva
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullitÓ della notifica via pec
» L'accollo
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
In evidenza oggi
Tari: come chiedere il rimborso dal 2014Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
Cassazione: valida la querela implicitaCassazione: valida la querela implicita

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF