Sei in: Home » Articoli

Tfr: se il capo Ŕ insolvente lo paga l'Inps

La Cassazione detta i presupposti per l'obbligo dell'intervento del Fondo di Garanzia
salvadanaio con scritta tfr

di Marina Crisafi - Se il capo non paga, il lavoratore pu˛ ottenere la liquidazione del Tfr direttamente dall'Inps. A far sorgere i presupposti per l'obbligo dell'intervento del fondo di garanzia, di fronte all'insolvenza del datore di lavoro non soggetto a procedure concorsuali, bastano l'esistenza e la consistenza del credito risultanti da un titolo (anche giudiziale) e l'insufficienza del patrimonio ereditario. Lo ha affermato la sezione lavoro della Cassazione con la sentenza n. 8072/2016 (qui sotto allegata) pronunciandosi sul caso di alcune dipendenti di una societÓ in accomandita semplice che trascinavano in giudizio il fondo di garanzia dell'Inps per il pagamento del Tfr, oltre agli ultimi stipendi dovuti in seguito alla cessazione del rapporto di lavoro.

La Corte d'appello aveva rigettato la domanda proposta dalle dipendenti ma la Cassazione ha accolto le loro richieste cassando la sentenza in base al seguente principio di diritto: "In caso di insolvenza del datore di lavoro non soggetto alle disposizioni della legge fallimentare, qualora il lavoratore agisca, ai sensi dell'art. 2 della legge 29 maggio 1982, n. 297, nei confronti del fondo di garanzia per ottenere il pagamento del trattamento di fine rapporto gravante sull'ereditÓ giacente, presupposto per l'obbligo di intervento del fondo sono a) l'esistenza e la consistenza del credito risultante da un titolo anche giudiziale, che il lavoratore ha l'onere di precostituire, e b) l'insufficienza del patrimonio ereditario, che pu˛ considerarsi provata, oltre che con l'esperimento infruttuoso dell'esecuzione o con lo stato di graduazione dei crediti predisposto dal curatore dell'ereditÓ giacente, anche con la dichiarazione del curatore dell'insufficienza delle garanzie patrimoniali del debitore e dell'impossibilitÓ di procedere alla liquidazione concorsuale per incapienza dell'attivo". Da qui l'accoglimento del ricorso e la condanna dell'Inps alle spese processuali.

Cassazione, sentenza n. 8072/2016
(25/04/2016 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
Le pi¨ lette:
» Carta identitÓ elettronica: come si richiede
» Gratuito patrocinio: il tribunale non pu˛ pagare gli avvocati
» Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
» Pensioni: Ape volontaria, pronte le convenzioni
» Diritto di recesso: cos'Ŕ e come si esercita
In evidenza oggi
Cassazione: il pedone non ha sempre ragioneCassazione: il pedone non ha sempre ragione
Avvocati: sanzionato chi cerca incarichi col pretesto delle condoglianzeAvvocati: sanzionato chi cerca incarichi col pretesto delle condoglianze

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF