Sei in: Home » Articoli
 » Contratti

Locazioni: nullo il canone in nero più caro rispetto al contratto registrato

Per la Cassazione, poi, il contratto registrato resta comunque valido e il canone apparente dovuto
proprietario consegna chiavi affitto inquilino

di Valeria Zeppilli – L'articolo 13 della legge numero 431/1998, al comma 1, prevede la nullità dei patti occulti con i quali le parti di un contratto di locazione immobiliare determinano che l'importo del canone di locazione sia superiore rispetto a quello che risulta dal contratto scritto e registrato.

Tuttavia, come precisato dalla Corte di cassazione con la sentenza numero 7634/2016, depositata il 18 aprile 2016 e qui sotto allegata, il contratto registrato resta comunque valido e il canone apparente dovuto.

Con la medesima pronuncia, a tal proposito, i giudici di legittimità hanno chiarito anche che il patto occulto, in ragione della nullità che lo colpisce, non può essere sanato mediante registrazione tardiva: quest'ultima, del resto, è un fatto extranegoziale che non è idoneo a influire sulla validità civilistica.

Per la Corte, infatti, l'ipotesi disciplinata dai primi due commi dell'articolo 13 della legge del 1998 e la relativa previsione di nullità del patto volto a determinare un maggior canone di locazione vanno ricondotte nell'alveo del procedimento simulatorio.

Così, nel caso di specie, è stata confermata la condanna del locatore, avente ad oggetto la restituzione al conduttore di più di 35mila euro a titolo di indebito in ragione dei maggiori canoni percepiti rispetto all'importo dovuto dal conduttore in forza del contratto registrato e valido.

Va insomma ribadito quanto già sancito dalla medesima Corte con la sentenza numero 18213/2015 e va quindi affermata la perdurante validità del contratto registrato, in forza dell'invalidità della convenzione del canone maggiore, risultante da un documento prodotto in giudizio e peraltro contestato.

Corte di cassazione testo sentenza numero 7634/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(20/04/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Multe fino a 425 euro per chi getta rifiuti dal finestrino
» Decreto dignità: il testo e i contenuti
» Guida legale sulla responsabilità disciplinare dei magistrati
» Assegno di mantenimento: detrae solo chi versa
» La responsabilità penale dei magistrati

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss