Sei in: Home » Articoli

Lavoro festivo? Solo volontario mai pi¨ imposto

Arriva la proposta di legge in Senato sulla scia della pronuncia della Cassazione
lavoro licenziamento mobbing

di Marina Crisafi - Lavoro festivo soltanto e sempre volontario. ╚ questo il succo del disegno di legge presentato in Senato (dal Pd) e in attesa di assegnazione alla commissione lavoro che si muove sulla scia dei principi affermati recentemente in materia dalla Corte di Cassazione. Scopo dichiarato del provvedimento, secondo quanto affermato dai relatori, Ŕ quello di "rendere chiari i diritti dei lavoratori in materia" sulla rinunciabilitÓ al riposo nelle festivitÓ infrasettimanali soltanto previo accordo tra datore di lavoro e lavoratore, attraverso un intervento normativo senza che spetti sempre ai giudici doverlo ribadire con sentenza.

I principi affermati dalla Suprema Corte

Come si legge nella stessa relazione al ddl, la Cassazione, con la sentenza n. 16592/2015, "ha chiarito meglio, anche rispetto alla precedente giurisprudenza, l'impossibilitÓ del datore di lavoro di obbligare il lavoratore alla prestazione senza il consenso dello stesso".

A risultare illecita, in base ai principi del Palazzaccio, Ŕ inoltre ogni eventuale sanzione disciplinare irrogata al dipendente che si rifiuta di lavorare nel giorno festivo.

In pi¨, in nessun caso una norma di un contratto collettivo pu˛ comportare il venir meno di diritti giÓ acquisiti dal singolo lavoratore (come quello di astenersi dal lavoro nelle festivitÓ infrasettimanali), trattandosi di diritti indisponibili per le organizzazioni sindacali.

L'unico limite, in sostanza, che pu˛ incontrare la libertÓ del lavoratore nell'opzione tra il godimento della festivitÓ e la prestazione lavorativa, secondo quanto stabilito dagli Ermellini, Ŕ quello dei casi in cui prevalgono i diritti generali garantiti costituzionalmente, come ad esempio in materia sanitaria e di ordine pubblico (leggi: "Il lavoro festivo non pu˛ essere imposto. Parola di Cassazione").


Cosa prevede il ddl

Sulla scia di quanto affermato dalla Suprema Corte, il ddl prevede la nullitÓ della disposizione "anche se non eccepita, con la quale il datore di lavoro stabilisce l'obbligo per il lavoratore di rendere prestazione lavorativa nei giorni festivi".

Viene stabilito inoltre che il lavoro nei festivi "Ŕ consentito solo quando, per comprovate esigenze di organizzazione aziendale, sia previsto un espresso accordo tra datore di lavoro e lavoratore".

Laddove il datore di lavoro, inoltre, imponga comunque la prestazione senza il preventivo ed espresso accordo raggiunto con il lavoratore viene prevista una "sanzione amministrativa pecuniaria da euro 200 a euro 300 per ciascun lavoratore cui sia imposta la prestazione lavorativa".

Ma non solo. Ove, il datore di lavoro minacci "il lavoratore di licenziamento o di altra conseguenza negativa nella prosecuzione del rapporto di lavoro al solo scopo di ottenerne la prestazione lavorativa nei giorni festivi Ŕ punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 500 ad euro 1.000". Sanzione che viene incrementata del 30% se il lavoratore Ŕ minorenne.

(14/02/2016 - Marina Crisafi)
Le pi¨ lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» ResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
» Pensioni donne: arriva la riduzione fino a 2 anni per chi ha figli
» Isee precompilato: obbligatorio da settembre 2018
In evidenza oggi
Assicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderireAssicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderire
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF