Sei in: Home » Articoli

Drogarsi e mettersi alla guida non è reato

Per la Cassazione, non è sufficiente provare l'assunzione di stupefacenti prima di mettersi al volante. Occorre che la guida sia effettivamente alterata
auto guida traffico autovelox multe
di Valeria Zeppilli – In materia di guida in stato di alterazione psico-fisica causato dall'assunzione di stupefacenti, occorre tenere bene a mente una distinzione: la fattispecie di reato di cui all'articolo 187 del codice della strada si configura solo quando effettivamente il soggetto guidi in condizioni fisiche e psichiche alterate a causa dell'assunzione di droghe.

A tal fine non è, quindi, sufficiente provare che egli abbia assunto stupefacenti prima di mettersi al volante.

Ad averlo recentemente chiarito è stata la sentenza numero 3623/2016, depositata dalla quarta sezione penale della Corte di Cassazione il 27 gennaio scorso (qui sotto allegata).

Nel caso di specie, l'imputata era ricorsa ai giudici di legittimità per veder alleggerita la sua condanna in considerazione del fatto che l'esame clinico, cui la stessa era stata sottoposta per verificare l'utilizzo da parte sua di stupefacenti, non sarebbe idoneo a stabilire se la riscontrata assunzione delle droghe sia avvenuta effettivamente immediatamente prima di mettersi alla guida o, invece, nei giorni precedenti.

Proprio sulla base delle argomentazioni sopra riportate il ricorso della donna è stato accolto.

Per i giudici, infatti, occorre tenere ben presente un'importante distinzione: mentre per accertare la guida in stato di ebbrezza sono sufficienti l'accertamento del superamento del tasso limite o anche solo la prova sintomatica dell'ebbrezza, per il reato di cui l'articolo 187 del codice della strada non è così.

L'assunzione di droghe nei momenti precedenti la guida deve essere riscontrata sia attraverso un accertamento tecnico-biologico, sia attraverso altre circostanze che provino la situazione di alterazione psico-fisica

Corte di cassazione testo sentenza numero 3623/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(29/01/2016 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Decreto ingiuntivo: nell'opposizione non si può contestare l'appartenenza al condominio
» Avvocati: perché portano la toga nera?
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss