Sei in: Home » Articoli

Paga metà dell'affitto della moglie l'ex marito che vive nella casa coniugale

Ciò, in particolare, può avvenire nel caso in cui l'immobile sia in comproprietà e tra i coniugi vi sia omogeneità reddituale
divorzio mantenimento separazione
di Valeria Zeppilli - Con l'ordinanza numero 430/2016, depositata il 14 gennaio (qui sotto allegata), la Corte di cassazione ha sancito che, talvolta, uno dei due ex coniugi che occupa la casa familiare deve pagare all'altro la metà dell'affitto.

Più nel dettaglio, si tratta di un onere del quale il coniuge deve farsi carico nel caso in cui la casa coniugale sia in comproprietà con l'ex e tra i due vi sia sostanziale omogeneità reddituale.

Ciò anche se il coniuge in affitto non ha prodotto il contratto di locazione in giudizio.

Con riferimento a tale ultima circostanza, infatti, i giudici hanno chiarito che l'obbligo di produzione del contratto può essere opposto nelle cause tra le parti del contratto stesso, ma non quando il rapporto sia funzionale a qualcosa di estraneo ad esso, come nel caso di specie.

A nulla, quindi, sono valsi i tentativi del marito di vedersi esonerato dal pagamento di metà del canone di affitto della ex moglie.

Per i motivi sopra indicati, in primo luogo è stata considerata irrilevante la contestazione circa l'assenza di adeguata dimostrazione, da parte della donna, di pagare un canone di locazione per il fatto di non aver prodotto il relativo contratto ma solo le semplici ricevute.

Inoltre, sono state ritenute prive di pregio le argomentazioni a sostegno della violazione e della falsa applicazione delle norme del codice civile in materia di frutti e comunione e di un presunto vizio di motivazione del giudice dell'appello.

Correttamente, infatti, il giudice del merito ha ritenuto che la donna avrebbe avuto diritto alla ricezione dei frutti pro quota derivanti dal mancato godimento dell'immobile e che, proprio attesa la difficoltà di fruizione di tali frutti, il marito era tenuto a corrisponderle metà del canone di locazione sostenuto.

Corte di cassazione testo ordinanza numero 430/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(16/01/2016 - Valeria Zeppilli)

In evidenza oggi:
» Avvocati: come farsi conoscere in tre mosse
» Domeniche gratis al museo da marzo a ottobre
» Avvocati: Cassa forense informa su contributi minimi
» Cani e gatti nello stato di famiglia
» Le case all'asta rimarranno nel possesso del debitore fino alla vendita
Newsletter f g+ t in Rss