Sei in: Home » Articoli

Dietro front della Cassazione: per le agevolazioni prima casa conta la residenza della famiglia

Per i giudici il metro di valutazione dei requisiti per il beneficio deve essere conforme ai principi del diritto di famiglia
Modellino di casa su due mani
di Valeria Zeppilli – Recentemente, con un dietro front rispetto al passato, la Corte di Cassazione ha cambiato il proprio orientamento in materia di agevolazioni prima casa

Con la sentenza numero 25892/2015, depositata il 23 dicembre (qui sotto allegata), la sezione tributaria ha infatti affermato che la legge fiscale deve essere interpretata in conformità ai principi del diritto di famiglia.

Con la conseguenza che, ai fini tributari, la residenza che conta non è tanto quella dei singoli coniugi quanto quella della famiglia

Nel caso di specie, ad essersi rivolta alla Corte era stata una contribuente che si era vista revocare, pro quota, l'agevolazione prima casa in quanto non si era trasferita tempestivamente nel Comune ove si trova l'immobile interessato, nonostante il marito in comunione legale vivesse già da tempo lì.

A tal proposito i giudici hanno sottolineato che l'articolo 144 del codice civile, nello stabilire che i coniugi fissano la residenza della famiglia secondo le esigenze di entrambi e quelle preminenti della famiglia stessa, tende a privilegiare le esigenze di quest'ultima come soggetto diverso e autonomo rispetto ai coniugi.

Ed è proprio sulla base di una simile prevalenza che va letta anche la norma tributaria in materia di agevolazioni prima casa: il metro di valutazione dei requisiti deve essere interpretato in maniera peculiare nel caso in cui sia presente un'entità particolare, quale è la famiglia.

La contribuente, quindi, nel caso di specie non dovrà rinunciare la beneficio: la sua famiglia risiede nel Comune ove si trova l'immobile.

In ragione del mutamento di orientamento, dovrà tuttavia pagare il proprio avvocato: le spese, infatti, vanno compensate.

Corte di cassazione testo sentenza numero 25892/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(28/12/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardarioAddio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF