Sei in: Home » Articoli

Ritardi aerei: no al risarcimento per chi perde la messa di Natale!

Il risarcimento a carico della compagnia aerea scatta per non aver consentito al passeggero di trascorrere le festività in famiglia, ma nulla spetta per la veglia perduta
natale id9385
di Valeria Zeppilli – "Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi": non è solo un detto, ma un "diritto" da garantire! 

Gli aeroporti in questi giorni sono affollati di persone che non vedono l'ora di tornare nelle loro case e riabbracciare i propri cari.

La magia del Natale, infatti, arresta la frenesia del vivere quotidiano e fa riscoprire il piacere di stare in famiglia.

Ma se questo piacere ci viene strappato? Una magra consolazione c'è: il danno subito è risarcibile.

Con la sentenza numero 571/2012, il Giudice di pace di Cagliari ha infatti condannato una compagnia aerea a risarcire il danno esistenziale subito da un suo passeggero che, a causa di un ritardo nel decollo del volo, non è riuscito a passare il Natale in famiglia. Essendo stato privato del piacere di trascorrere un'importante serata secondo le tradizioni, l'uomo deve essere ristorato.

Il passeggero è stato rimborsato anche dei soldi spesi per sostituire il tanto atteso cenone: due "tristi" panini comprati in aeroporto.

Per la messa perduta, però, non vi è nulla da fare: nonostante l'uomo asserisse di essere un fervente cattolico, la domanda di risarcimento per non aver potuto partecipare alla funzione della notte di Natale non è stata accolta dal giudicante. 

Il Giudice di pace, infatti, ha ritenuto che il disguido aereo non può ritenersi tale da comportare addirittura una compressione della libertà religiosa, come invece richiesto dall'attore.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(26/12/2015 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Multa: possibile l'annullamento in autotutela?
» Divorzio: niente assegno alla ex che da separata conduce una vita dignitosa
» Tredicesima: a chi spettano i 154 euro in più?
» Il disconoscimento di paternità - guida con fac-simile
» La messa alla prova


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF