Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Cassazione: L'avvocato che aderisce all'astensione dalle udienze ha diritto al rinvio. Se il giudice lo nega si determina una nullità

Secondo la Corte l'adesione è funzionale all'esercizio di un diritto costituzionale del difensore
Avvocatessa che indossa la toga in una libreria
di Valeria Zeppilli – Il difensore dell'imputato che faccia pervenire tempestiva dichiarazione di adesione all'astensione dalle udienze, proclamata legittimamente dall'organismo di categoria, ha diritto al rinvio dell'udienza.

Non importa che egli non abbia formulato una specifica istanza di rinvio.

Questo è quanto ha chiarito la Corte di cassazione con la sentenza numero 47285/2015, depositata il 30 novembre (qui sotto allegata).

I giudici, infatti, hanno precisato che viceversa si ha nullità per mancata assistenza dell'imputato.

Tale nullità, più nel dettaglio, può avere natura assoluta, nel caso in cui si tratti di udienza camerale a partecipazione necessaria del difensore, o natura intermedia, negli altri casi.

Di certo l'astensione non può essere paragonata all'inadempimento per la sua natura, ma può esserlo sul piano degli effetti.

In particolare, mentre il legittimo impedimento è funzionale al diritto di difesa dell'imputato, l'adesione è funzionale all'esercizio di un diritto costituzionale del difensore.

Entrambi, però, impongono che l'udienza venga rinviata.

Oltretutto la non riconducibilità dell'astensione all'alveo del legittimo impedimento comporta che, con riferimento ad essa, a nulla rileva che la disciplina processuale con riferimento a taluni tipi di procedimento non attribuisce rilevanza all'inadempimento del difensore.


Corte di cassazione testo sentenza numero 47285/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(01/12/2015 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione

Newsletter f g+ t in Rss