Sei in: Home » Articoli

Cassazione: il coerede può riscattare le quote del bene cedute a terzi senza che gli siano state prima offerte

Salvo che il retrattario non riesca a dimostrare che la vendita ha avuto ad oggetto un bene a sé stante
Modellino di casa su due mani

di Valeria Zeppilli – Se un erede aliena a un terzo, estraneo, la quota indivisa di un unico cespite ereditario, va presunta l'alienazione della sua corrispondente quota ideale dell'universum ius defuncti.

Di conseguenza, il coerede è legittimato a esercitare il retratto successorio.

Ciò a meno che il retrattario non riesca a dimostrare che la vendita ha avuto ad oggetto un bene a sé stante.

Tale dimostrazione, nei fatti, può avvenire solo con elementi concreti della fattispecie e intrinseci al contratto, senza che si possa far riferimento al comportamento del retraente rimasto estraneo al contratto stesso.

Così, costituiscono validi elementi idonei a fornire la predetta prova la volontà delle parti, lo scopo che esse hanno perseguito, la consistenza del patrimonio ereditario e il suo confronto con l'entità dei beni che sono stati venduti.

Sulla base di tali argomentazioni, già consolidate in giurisprudenza, la Corte di Cassazione, con la sentenza numero 23925 depositata il 24 novembre 2015 (qui sotto allegata) ha respinto il ricorso di quattro fratelli che, alle spalle di un quinto, avevano alienato a una società le loro quote del bene immobile ricevuto in eredità dai genitori.

In assenza della prova che l'alienazione ha riguardato beni a sé stanti, non può infatti negarsi che prima di cedere le loro quote a terzi, i fratelli avrebbero dovuto notificare all'altro, rimasto escluso dall'operazione, la proposta di vendita, permettendogli, così, di esercitare il proprio diritto di prelazione.

Corte di cassazione testo sentenza numero 23925/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(26/11/2015 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Cassazione: addio mantenimento se il figlio non cerca lavoro
» Anche quest'anno per Natale "regala" un avvocato
» Il falso ideologico
» Avvocati: ecco le nuove tariffe
» Quanti sono i tentativi di vendita nelle aste di beni immobili?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF