Sei in: Home » Articoli

Tribunali: dal prossimo anno sentenze disponibili online gratis e per tutti

Nasce la banca dati della giurisprudenza di merito
computer telematico

di Marina Crisafi - Dal 31 dicembre 2016 nascerà la banca dati della giurisprudenza di merito che consentirà a tutti di leggere e scaricare i provvedimenti dei tribunali, delle corti d'appello e dei giudici di pace in modo gratuito. 

A prevederlo è il decreto del ministero della giustizia dell'1 ottobre 2015, pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 255 del 2 novembre scorso, istitutivo dell'Ufficio del processo (leggi: “L'ufficio del processo è realtà: tribunali aperti a praticanti avvocati e stagisti”).

Sarà proprio a cura di tali costituende strutture, ex art. 7 del decreto, che dovrà essere implementata la banca dati, con la selezione dei provvedimenti da inserire nella stessa, sulla base dei criteri fissati dal presidente della corte d'appello o del tribunale, avvalendosi degli stagisti, dei tirocinanti e dei praticanti avvocati nonché del personale dell'ufficio. 

L'avvio della banca dati sarà assicurato dalla direzione generale dei sistemi informativi e automatizzati di via Arenula che vigilerà sull'archivio automatizzato garantendo la fruibilità dei provvedimenti nella stessa contenuti su base nazionale. 

La banca dati opererà in forma sperimentale per i primi dodici mesi.

Decreto Ministero Giustizia 1 ottobre 2015
(04/11/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Case, assicurazione obbligatoria contro i terremoti in bolletta: la proposta alla CameraCase, assicurazione obbligatoria contro i terremoti in bolletta: la proposta alla Camera
Divorzio: la nuova convivenza dell'ex non basta per dire addio all'assegnoDivorzio: la nuova convivenza dell'ex non basta per dire addio all'assegno
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF