Sei in: Home » Articoli

Cassazione: si alla compensazione delle spese legali se la domanda risarcitoria è stata accolta in misura ridotta

La nozione di soccombenza reciproca sottende non solo una pluralità di domande contrapposte ma anche l'accoglimento parziale dell'unica domanda proposta
bilancia toga sentenza martello

di Valeria Zeppilli – Se l'attore vede riconosciuta la sua domanda giudiziale, ma solo parzialmente, non è affatto preclusa la reciproca soccombenza, con la conseguenza che il giudice può legittimamente disporre anche la compensazione, sia parziale che totale, delle spese processuali tra le parti.

Ciò soprattutto se tra l'importo richiesto e l'importo riconosciuto c'è un divario importante.

Su queste premesse la Corte di Cassazione, con la sentenza numero 20127/2015, depositata il 7 ottobre (qui sotto allegata), ha confermato la compensazione delle spese legali tra due vicini di casa in lite per la presenza sulla proprietà di uno di un cancello che aveva impedito temporaneamente all'altro l'accesso alla corte comune.

Infatti, tra i danni richiesti dalla parte che aveva subito tale situazione e quelli riconosciuti in sentenza sussisteva, nel caso di specie, un divario notevole: mentre i primi ammontavano a ottomila euro, il giudice li aveva quantificati in soli trecento euro.

Ad orientare la decisione della Cassazione è stato, innanzitutto, l'articolo 92, comma 2, del codice di procedura civile, come recentemente riformato dal d.l. n. 132/2014, in base al quale il giudice può compensare le spese tra le parti, anche solo parzialmente, quando vi è soccombenza reciproca.

In secondo luogo, ha assunto a tal fine rilevanza il principio giurisprudenziale in base al quale la nozione di soccombenza reciproca sottende non solo una pluralità di domande contrapposte ma anche l'accoglimento parziale dell'unica domanda proposta, anche su un piano esclusivamente quantitativo.

Con buona pace del danneggiato, che si trova ora costretto a pagare la sua parte di spese processuali.

Cassazione testo sentenza numero 20127/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(11/10/2015 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Telefono: i costi di disattivazione sono illegittimi
» Il credito dell'avvocato distrattario non è un credito di lavoro
» Carabinieri, concorso per 2.000 posti
» Avvocati: il vademecum sulla privacy
» Pensioni: via la Fornero e tagli a quelle d'oro


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss