Sei in: Home » Articoli

Camera approva modifiche a norme su remissione tacita della querela

L'Assemblea della Camera ha approvato la proposta di legge che ha per oggetto "Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale, nonché al decreto legislativo 28 agosto 2000, n. 274, in materia di remissione tacita della querela". Oggi l'Art. 152 del codice penale, dispone che "Vi è remissione tacita, quando il querelante ha compiuto fatti incompatibili con la volontà di persistere nella querela". La proposta di legge vuole ora occuparsi di quei procedimenti dei quali i querelanti si disinteressano fin dalle prime fasi. Come si legge nella relazione introduttiva, la proposta di legge mira "a integrare l'articolo 152 del codice penale, prevedendo l'inserimento, nei decreti e negli avvisi prodromici alle varie tipologie di udienze, di appositi avvertimenti rivolti al querelante.
Trattasi di avvertimenti che sollecitano la presenza in aula del querelante ai fini della valutazione della reale e persistente volontà di proseguire con l'azione penale già radicata". In base alle nuove disposizioni si potrà insomma ampliare il raggio delle situazioni in cui sarà possibile considerare rimessa tacitamente la querela in caso di inerzia del querelante o di fatti accaduti da cui si renda palese la volontà di non portare avanti il procedimento. Il provvedimento passa ora all'esame del Senato.
Vai al testo della proposta di legge
(19/03/2011 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Blue Whale Challenge: il gioco che uccide. Ecco i consigli della polizia
» Le cose che il fisco non ti può pignorare
» Affido condiviso: i figli restano nella casa familiare, saranno i genitori ad alternarsi
» Divorzio: in arrivo gli accordi prematrimoniali
» Guide Legali: L'incaricato di un pubblico servizio
In evidenza oggi
Violenza donne: arriva il braccialetto obbligatorio per gli stalker e il risarcimento statale per le vittimeViolenza donne: arriva il braccialetto obbligatorio per gli stalker e il risarcimento statale per le vittime
Avvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studioAvvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF