Sei in: Home » Articoli

Cassazione: non è illegittima la sanzione disciplinare inflitta al lavoratore che rifiuta di sostituire un collega

Il rifiuto di effettuare la sostituzione del collega assente, in violazione dell'obbligo di sostituzione previsto dal contratto collettivo, non è astensione dal lavoro straordinario, né astensione per un orario delimitato e predefinito, ma è rifiuto di effettuare una delle prestazioni dovute, legittimamente richiedibili al lavoratore; non costituisce inoltre esercizio del diritto di sciopero, con la conseguenza che deve escludersi l'antisindacalità della scelta datoriale di applicare una sanzione disciplinare. E' quanto affermato dalla Sezione lavoro della Cassazione civile con la sentenza n. 548 del 12 gennaio 2011, sottolineando che "ci si colloca al di fuori del diritto di sciopero quando il rifiuto di rendere la prestazione per una data unità di tempo non sia integrale, ma riguardi solo uno o più tra i compiti che il lavoratore è tenuto a svolgere.
E' il caso del c.d. sciopero delle mansioni, comportamento costantemente ritenuto dalla giurisprudenza estraneo al concetto di sciopero e pertanto illegittimo". Nel caso preso in esame, la Suprema Corte ha ritenuto la situazione assimilabile a quella del c.d. sciopero della mansioni perché, all'interno del complesso di attività che il lavoratore è tenuto a svolgere, l'omissione concerne uno specifico di tali obblighi. In conclusione i giudici di legittimità affermano che la sanzione disciplinare inflitta al lavoratore non è illegittima e il comportamento datoriale non è antisindacale.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/01/2011 - L.S.)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Avvocati: sanzionato chi tratta la causa senza il collega avversario
» Regime dei minimi: com'era e com'è
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Accordi prematrimoniali: in arrivo la legge
In evidenza oggi
Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debitoEquitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizioneAvvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF