Sei in: Home » Articoli

Brindisi: divieto coltivazione dei campi, agricoltori chiedono conto al sindaco

Hanno preso carta e penna gli agricoltori della zona di Cerano, nei pressi di Brindisi, che da oltre tre anni e mezzo non possono coltivare i loro terreni, con gravi conseguenze economiche sul loro reddito e sulle loro attività. E così 150 agricoltori, imbufaliti, per il lungo periodo di astinenza forzata dalle loro coltivazioni, hanno preso avvocato e scritto una lettera la sindaco di Brindisi, Domenico Mennitti, a cui chiedono di risarcire loro il danno, dopo che il tribunale amministrativo ha giudicato illegittima l'ordinanza, con cui il sindaco procedette a vietare le coltivazione, a decorrere dal 28 giugno 2007. In quell'anno, infatti, una conferenza dei servizi aveva deciso di far sospendere le coltivazioni, a causa di presunte situazioni di allarme, in termini di salute pubblica.
Non meglio specificati i motivi concreti dell'allarme, né tantomeno i livelli dello stesso. Fatto sta che da allora ad oltre 150 agricoltori viene impedito di potere coltivare i propri terreni, con grave nocumento al loro reddito. Ora che il tribunale amministrativo ha dato loro ragione, i contadini chiedono al sindaco di pagare il conto di una decisione giudicata illegittima; a poco valgono le obiezioni del Comune, secondo cui una conferenza dei servizi, in accordo con l'allora Ministero dell'Ambiente aveva proceduto in tal senso; dopo tre Natali senza coltivazioni, gli agricoltori di Cerano non intendono mollare.
(13/01/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» Pensioni: le novità in arrivo
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
» Usucapione: legittimo l'accordo di accertamento dinanzi al notaio
» Ddl riscossione: niente più cartelle per debiti irrisori
In evidenza oggi
Diritto alla salute del minore e affievolimento della responsabilità del genitoreDiritto alla salute del minore e affievolimento della responsabilità del genitore
Obbligare la moglie a discutere è reatoObbligare la moglie a discutere è reato
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF