Sei in: Home » Articoli

Cartella esattoriale: valida purché completa - Motivazione per relationem ma con indicazione degli estremi di rinvio

Il 14 maggio 2010 le Sezioni Unite della Cassazione si sono pronunciate sul caso di chi è destinatario di cartella esattoriale mancante di motivazione oppure incompleta. Alla sentenza è stato attribuito il n°11722 del 2010; il fatto: la pronuncia scaturisce dal ricorso presentato dal Comune di Bassano del Grappa destinatario di cartella da parte di un consorzio di bonifica. In motivazione si legge: "quando la cartella esattoriale non segua uno specifico atto impositivo già notificato al contribuente, ma costituisca il primo e unico atto con il quale l'ente impositore esercita la pretesa tributaria essa - affermano gli Ermellini di Piazza Cavour - deve essere MOTIVATA alla stregua di un atto propriamente impositivo, e contenere, quindi, gli elementi indispensabili per consentire al contribuente di effettuare il necessario controllo sulla correttezza dell'imposizione". La motivazione può essere assolta anche per relationem rinviando ad altro atto che costituisca il presupposto dell'imposizione purchè vengano indicati gli estremi di riferimento anche relativi alla pubblicazione di tale atto su bollettini o albi ufficiali. L'atto di rinvio non va di necessità allegato alla cartella, in base a un'interpretazione non formalistica dell'articolo 7 dello Statuto del Contribuente, ma di tale atto l'interessato, per effetto di precedente notificazione o pubblicazione, deve aver già avuto legale conoscenza. Ora la Tributaria Regionale del Veneto dovrà uniformarsi al principio sancito dalle Sezioni Unite.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(19/05/2010 - Avv. Paolo M. Storani)
Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Avv. Paolo M. Storani
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilità civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF