Sei in: Home » Articoli

No alla querela di falso per provare fatti ulteriori rispetto al verbale del pubblico ufficiale

La Cassazione, nell'annullare con rinvio una sentenza del Tribunale di Sala Consilina (SA) – Sezione Distaccata di Sapri, afferma il principio che la proposizione della querela di falso non occorre se si tratta di provare elementi che esulano da quelle che furono le constatazioni attestate dal pubblico ufficiale rogante. Pleonastico ricordare che l'Ordinamento attribuisce fede privilegiata all'operato del pubblico ufficiale. La disamina degli Ermellini, però, concerne un caso in cui la parte ricorrente non intendeva provare circostanze in contrasto con le emergenze del verbale di accertamento dell'Autorità. Il responso emesso dalla Corte regolatrice, 2^ Sez. Civ. Pres. Dott. Luigi Antonio Rovelli ed Estensore Dott. Umberto Goldoni, sentenza n°24662 del 23.11.2009, può, dunque, così compendiarsi: “la legge identifica la condotta sanzionabile nei movimenti di terra, che costituiscono attività diversa ed ulteriore rispetto al rimescolamento degli strati superficiali del terreno e nell'estirpazione di piante, arbusti o cespugli, entità ben differenti da ceppaie asseritamente secche da anni, in mancanza di ulteriori specificazioni risultanti dal verbale”; talché, la statuizione di merito va cassata: la prova per testi richiesta dall'opponente, il cui capitolato era stato diligentemente ripreso in ricorso, non poteva non essere ammessa sol perché non era stata proposta querela di falso, atteso che gli elementi che egli intendeva provare non rientravano nel novero di quelli constatati alla presenza del pubblico ufficiale rogante. In conclusione, Piazza Cavour si è orientata per ordinare un nuovo vaglio che dovrà essere effettuato da altro magistrato, da individuarsi presso la sede centrale di Sala Consilina.
Chi intendesse approfondire il rapporto tra diritto di prova spendibile dal ricorrente nella procedura di opposizione ad ingiunzione e forza cogente di atto pubblico del verbale dell'Autorità, aggredibile, di conseguenza, con la querela di falso (g iudizio nel quale non esistono limiti di prova e che ha la funzione di verificare la correttezza dell'operato del pubblico ufficiale), può fare riferimento alla pronuncia delle Sezioni Unite della Cassazione n°17355 del 2009.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(09/02/2010 - Avv. Paolo M. Storani)
Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Avv. Paolo M. Storani
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilità civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF