Sei in: Home » Articoli

Rapporto di lavoro alle dipendenze di una Federazione sportiva e sua natura

La Cassazione civile, sez. lav. (sentenza n. 5217/2009) ha stabilito che il rapporto di lavoro del dipendente che, ancorché assunto direttamente da una Federazione sportiva con contratto di diritto privato, esibisca la congiunta evenienza dello svolgimento di mansioni di carattere amministrativo e del disimpegno delle stesse presso la struttura centrale dell'organizzazione, ha natura pubblicistica, essendo i caratteri di detta attività esattamente identici a quelli propri dei lavoratori legati al CONI da rapporto di pubblico impiego e comandati o distaccati presso le Federazioni sportive ai sensi dell'art. 14, comma 3, legge n. 91/81. Di conseguenza, la costituzione, di fatto, del rapporto di lavoro subordinato avviene in violazione di norme imperative, prevedenti l'obbligo dell'assunzione da parte degli enti pubblici mediante procedure di carattere concorsuale.
La nullità del rapporto di lavoro subordinato instauratosi di fatto comporta, come conseguenza, l'inapplicabilità della normativa in tema di tutela del lavoratore in ipotesi di illegittimo licenziamento. La giurisprudenza di legittimità ha precisato, inoltre, che, nel regime anteriore al dl.vo n. 242/99, le Federazioni sportive nazionali presentavano un duplice aspetto, l'uno di natura pubblicistica, riconducibile all'esercizio delle funzioni pubbliche proprie del Comitato olimpico nazionale italiano (CONI), del quale le federazioni stesse costituiscono organi, l'altro di natura privatistica, attinente alle attività proprie delle Federazioni medesime (cfr, Cass., SU, n. 14103/2006).
(11/02/2010 - Francesca Bertinelli)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF