Sei in: Home » Articoli

Cassazione: è diffamazione definire i partigiani di via Rasella come massacratori

La Corte di Cassazione accogliendo della figlia di una componente del gruppo dei partigiani di via Rasella, ha riconosciuto il diritto al risarcimento del danno in relazione a un articolo di stampa in cui si era affermato che "la Cassazione da' la patente di eroi ai massacratori di civili in via Rasella" con espresso riferimento a quei partigiani che misero in atto un attentato contro i tedeschi del battaglione SS Bozen. Nell'impianto motivazionale della sentenza resa dalla terza sezione civile della Corte (sentenza 16916 /2009) si legge che "l'uso del termine 'massacratori' in innegabile sinergia con la parola 'civili', con evidente inequivoco effetto di accostare l'atto di guerra compiuto dai partigiani all'eccidio di connazionali inermi assume senz'altro aspetti contenutistici ne' metaforici in punto di immediate evocazione non gia' di negativi giudizi storici, ma di vere e proprie affermazioni lesive della dignita' e dell'onore dei destinatari". Con questa motivazione Piazza Cavour ha annullato, con rinvio, la decisione della Corte di Appello di Roma che al contrario non aveva ritenuto diffamatoria l'affermazione utilizzata dal quotidiano ritenendola anzi "un legittimo giudizio storico negativo" che non trascendeva "in attacchi personali". Con decisione diametralmente opposta la Cassazione ha ora affermato che "E' innegabile che se gia' l'epiteto di massacratori ben difficilmente puo' essere ritenuto espressione di un piu' complesso giudizio storico negativo, l'ulteriore, ben piu' pregnante specificazione che, di quel massacro, furono destinatari i civili e dunque, i concittadini italiani del gruppo partigiano, non potendo essere ritenuti tali i militari dell'esercito nazista assume senz'altro aspetti contenutistici di vere e proprie affermazioni lesive della dignita'". Il quotidiano che a suo tempo ebbe a pubblicare l'articolo in questione aveva attribuito l'epiteto di massacratori ai partigiani di via Rasella commentando una decisione della Suprema Corte che aveva qualificato l'attacco dei partigiani ad un reparto armato delle SS come un "legittimo atto di guerra" posto in essere da altrettanto "legittimi belligeranti". Il quotidiano commentando questa decisione aveva titolato in prima pagina ""La Cassazione da' la patente di eroi ai massacratori di via Rasella". Un epiteto, spiega ora la Cassazione, che ledela dignità dei partigiani e che deve considerarsi di natura diffamatoria.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/07/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF