Sei in: Home » Articoli

Cassazione: I figli vanno accompagnati a scuola di persona

I figli debbono essere accompagnati a scuola di persona perché se marinano mamma e papà finiscono sotto processo. E' quanto sottolina la Corte di Cassazione in una sentenza (n. 33847/2007) con la quale i Giudici del Palazzaccio chiariscono che i genitori avendo l'obbligo di impartire l'istruzione obbligatoria ai figli, hanno anche "l'obbligo di vigilare e controllare il minore per assicurarsi che questi si rechi realmente a scuola per ricevere l'istruzione".
E a quanto pare non è neppure possibile giustificarsi sostenendo di non aver ricevuto una comunicazione dell'assenza dei figli da scuola perché "la colpa sufficiente per la configurabilita' della contavvenzione" di cui all'art. 731 del codice penale "e' riscontrabile gia' nell'avere omesso di adempiere il proprio dovere di sorveglianza e di vigilanza sul minore e di assicurarsi che questo si rechi a scuola per ricevere l'istruzione".
Nello specifico, la Corte evidenzia che le "lunghe assenze da scuola dei minori, provate dalle dichiarazioni dei dirigenti scolastici, non potevano sfuggire ad un genitore ligio ai doveri inerenti alla sua potesta'".
Inoltre "di fronte a lunghe e ingiustificate assenze da scuola - spiega la Corte - la sussistenza dell'elemento soggettivo del reato non puo' essere esclusa dalla mancata prova della conoscenza delle comunicazioni inviate dalla autorita' scolastica".
Da qui il monito degli Ermellini a tutte le mamme e i papà di accompagnare i propri figli a scuola per assicurarsi che si rechino effettivamente in classe.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(06/09/2007 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF