Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Cassazione: praticanti avvocato non più abilitati al patrocinio sono soggetti al potere disciplinare dell'Ordine

Le Sezioni Unite Civili della Corte di Cassazione (Sent. n. 12543/2006) hanno stabilito che il praticante avvocato che è stato cancellato dall'elenco dei praticanti abilitati al patrocinio continua a essere assoggettato al potere disciplinare del Consiglio dell?Ordine e ciò fino a quando non intervenga il provvedimento di cancellazione dal registro dei praticanti. I Giudici di Piazza Cavour in particolare hanno precisato che ?nella categoria dei praticanti avvocati risulta introdotta la distinzione fra praticanti non ammessi e praticanti ammessi ad esercitare, per un tempo determinato, il patrocinio, per cui il venir meno del riconosciuto jus postulandi non comporta anche il venir meno dello status stesso di praticante e dell?interesse del soggetto a continuare ad essere iscritto nel registro speciale ?ai fini dello svolgimento della pratica con esclusione del patrocinio stesso? (articolo 14, comma 4, Rd 37/1934), con la conseguenza ulteriore che, sino a quando non intervenga il provvedimento di cancellazione dal registro dei praticanti, il praticante continua ad essere assoggettato al potere disciplinare del Consiglio dell?Ordine?.
Leggi la motivazione della sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(27/07/2006 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Debiti sospesi fino a un anno per chi è in difficoltà
» Lavoro: la pausa caffè non è reato
» Semaforo giallo: quando scatta la multa?
In evidenza oggi.
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF