Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Difficile per ragazzi trovare lavoro, non c'è termine per obbligo di mantenimento

Per i giovani di oggi e' diventato talmente difficile inserirsi nel mondo del lavoro che ''non e' possibile stabilire un 'termine' all'obbligo di mantenimento'' dei figli di separati. La Corte di Cassazione in una sua recente sentenza (la 8221/06) non puo' fare a meno di fare i conti con la chiusura dei mercati del lavoro, pertanto spezza una lancia a favore dei ragazzi sottolinenando come ''il limite di persistenza dell'obbligo'' dei genitori di mantenere i figli non puo' essere dedotto ''dalla media della durata degli studi'', bensi' dalle ''concrete difficolta' del giovane'' nel raggiungere ''l'autosufficienza economica''. In proposito, la Prima sezione civile osserva che gli alimenti devono essere sospesi soltanto se il figlio ''malgrado i genitori gli abbiano assicurato le condizioni necessarie per concludere gli studi intrapresi e conseguire il titolo indispensabile ai fini dell'accesso alla professione auspicata, non abbia saputo trarre profitto per propria colpa''. Forte di questo ragionamento, la Suprema Corte ha accolto il ricorso di una signora di Trieste, Laura U., separatasi dal marito Valerio M. dopo trent'anni di matrimonio, che si era opposta alle conclusioni della Corte d'appello di Trieste secondo la quale l'ex marito avrebbe dovuto continuare a mantenere la figlia Paola, laureanda in biologia, con circa 150 euro al mese ''sino al compimento dei 26 anni'', anno nel quale secondo i giudici di merito la ragazza avrebbe potuto trovare anche un lavoro. Anche la casa coniugale, secondo i giudici di merito, doveva rimanere a madre e figlia fino a quellla scadenza temporale.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(27/04/2006 - Adnkronos)
Le più lette:
» Mediazione e negoziazione assistita: casi di obbligatorietà e aspetti procedurali
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Milleproroghe: le misure per gli avvocati
» L'appello incidentale nel processo del lavoro
In evidenza oggi.
Falsi certificati di malattia: carcere e multe fino a 1.600 euro anche per il medico
Avvocati: nullità della notifica dell'atto di appello eseguita nei confronti del difensore non più iscritto all'albo
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF