Sei in: Home » Articoli

Rumori molesti: il giudizio sulla tollerabilità

La vita moderna ci regala sempre maggiori comodità e i progressi della tecnologia stanno a poco a poco migliorando la nostra vita. Tutto questo però ci ha posto di fronte a nuove problematiche, e tra queste il crescente inquinamento acustico ambientale. Sempre più persone sono tormentate da rumori molesti che provengono non solo da discoteche, pub e luoghi di svago che fioriscono per ogni dove, ma anche dai propri dirimpettai che magari hanno istallato un nuovo condizionatore o si sono muniti di un innovativo impianto "dolby" per la loro TV digitale.
Così alcuni malcapitati si trovano a vivere in situazioni davvero intollerabili. Sono diverse le leggi speciali e i regolamenti che dettano norme specifiche per il rilevamento e la misurazione dei rumori e diventa sempre più difficile avere chiarezza sui propri diritti. Tuttavia, secondo la Cassazione, (sent. 29/4/2002 n.6223) dette norme sono di natura pubblicistica e non possono regolare direttamente i rapporti tra i privati. E così, per questi, continua a valere la disciplina dell'art. 844 del codice civile che rimette al prudente apprezzamento del giudice il giudizio sulla tollerabilità delle immissioni di rumori.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(06/06/2002 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF