Sei in: Home » Articoli

Cassazione: ai fini della ripartizione del trattamento pensionistico tra coniuge divorziato e coniuge superstite rileva l?effettiva durata della comunione materiale e spirituale tra i coniugi.

Il giudice di merito che sia chiamato a decidere in merito alla ripartizione della pensione di reversibilitÓ tra coniuge superstite e coniuge divorziato deve preliminarmente applicare il criterio della durata legale dei rispettivi rapporti matrimoniali che ha una valenza centrale e, ove l'utilizzazione di tale criterio conduca ad esiti iniqui rispetto alle circostanze della fattispecie concreta, deve ricorrere ad ulteriori criteri che fungano da correttivi. E' quanto ha stabilito la Cassazione (Sent. n. 23379/2004) precisando che "nella determinazione delle quote della pensione di reversibilitÓ tra coniuge superstite ed ex coniuge, il giudice del merito non pu˛ limitarsi a registrare la durata dei rapporti coniugali, ma deve spingere il proprio esame alla effettiva durata dei rapporti stessi, tenendo quindi conto anche delle situazioni di separazione di fatto che abbiano preceduto lo scioglimento del vincolo matrimoniale".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(09/02/2005 - Silvia Vagnoni)
Le pi¨ lette:
» Mediazione e negoziazione assistita: casi di obbligatorietÓ e aspetti procedurali
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Milleproroghe: le misure per gli avvocati
» L'appello incidentale nel processo del lavoro
In evidenza oggi.
Falsi certificati di malattia: carcere e multe fino a 1.600 euro anche per il medico
Avvocati: nullitÓ della notifica dell'atto di appello eseguita nei confronti del difensore non pi¨ iscritto all'albo
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF