Sei in: Home » Articoli

Cassazione: nulla la clausola contrattuale che prevede la risoluzione del contratto di lavoro del dirigente al raggiungimento dell'età pensionabile

Tipicità e la tassatività delle cause di estinzione del rapporto di lavoro dirigenziale in ambito privato
solitudine disoccupato tristezza suicidio depressione lavoro licenziamento
di Licia AlbertazziCorte di Cassazione civile, sezione lavoro, sentenza n. 7899 del 17 Aprile 2015. 

E' illegittima la risoluzione del contratto di dirigenza, sia pur attuata in forza di specifica clausola contrattuale, nei confronti del dirigente che ha raggiunto l'età pensionabile

E' quanto chiarisce la Corte di Cassazione confermando una decisione dei giudici di merito.

La Cassazione, in via preliminare, differenzia il rapporto di lavoro pubblico da quello privato, affermando che, nel secondo caso, “la tipicità e la tassatività delle cause di estinzione del rapporto escludono risoluzioni automatiche al compimento di determinate età, ovvero con il raggiungimento dei requisiti pensionistici, ancorchè contemplate nella contrattazione collettiva”. 

E' di conseguenza nulla la clausola contrattuale con la quale il rapporto di lavoro si risolve automaticamente al raggiungimento della massima anzianità contributiva

Inoltre, nel caso di specie, l'intervenuto rinnovo tacito del contratto (nonostante l'azienda sapesse che nell'arco del secondo quinquennio il dirigente avrebbe compiuto i sessantacinque anni) non può che supportare tale interpretazione. 

In definitiva, il raggiungimento dell'età pensionabile del lavoratore in pendenza di contratto (a tempo determinato o indeterminato; nel caso di specie, per giunta, rinnovato) non può costituire giusta causa di risoluzione contrattuale.

Vai al testo della sentenza 7899/2015
(19/04/2015 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Pensioni: le novità in arrivo
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
» Usucapione: legittimo l'accordo di accertamento dinanzi al notaio
» Ddl riscossione: niente più cartelle per debiti irrisori
In evidenza oggi
Obbligare la moglie a discutere è reatoObbligare la moglie a discutere è reato
Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal clienteTelefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF