Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Cassazione: la razionalizzazione del parcheggio condominiale non è divisione. Non serve l'unanimità

Corte di Cassazione civile, sezione seconda, sentenza n. 6573 del 31 Marzo 2015
condominio palazzo costruzione
di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione civile, sezione seconda, sentenza n. 6573 del 31 Marzo 2015

La destinazione di un cortile condominiale ad area di parcheggio con individuazione dei singoli posti, non da luogo a una divisione ma costituisce una mera innovazione ed è sufficiente pertanto una delibera assunta con la maggioranza dei due terzi del valore complessivo del bene comune.

Lo afferma la Corte di Cassazione spiegando che solo in caso di divisione è necessaria una delibera assembleare presa all'unanimità posto che la divisione presuppone il consenso di tutti i proprietari.
 
Nel caso di specie, anche se l'individuazione dei posti è avvenuta con apposite strisce di segnaletica orizzontale, ciò non comporta uno scioglimento della comunione del bene giacché tali opere non modificano né la destinazione, né la consistenza fisica, né la proprietà del cortile. Si tratta solo di opere che rendono più razionale l'utilizzo paritario del bene.

Secondo la cassazione, dunque, il giudice del merito ha (correttamente) ritenuto che la destinazione del cortile comune a parcheggio non desse luogo alla divisione del cortile.

La delibera impugnata inerisce appunto alle modalità di utilizzo della cosa comune, non essendo quindi idonea ad attribuire il possesso esclusivo a ciascuno dei comproprietari, non fornendo nemmeno presupposto utile al compimento di usucapione. Per altri dettagli si rimanda alla lettura del testo integrale della sentenza qui sotto allegata.


Vai al testo della sentenza 6573/2015
(02/04/2015 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF