Avvocatura

Avvocati: il ravvedimento operoso non fa venir meno l'illecito disciplinare per omessa fatturazione

Ad affermarlo è una recente sentenza del Consiglio Nazionale Forense che conferma la sanzione della sospensione di tre mesi a un avvocato che aveva omesso di fatturare i compensi percepiti in contanti
toga

Il ravvedimento operoso non fa venire meno la rilevanza deontologica della violazione del dovere di adempimento fiscale previdenziale e contributivo.

Ad affermarlo è una recente sentenza del Consiglio Nazionale Forense (n. 86/2014), pubblicata sul sito istituzionale nei giorni scorsi e qui sotto allegata, che conferma la sanzione della sospensione di tre mesi a un avvocato che aveva omesso di fatturare i compensi percepiti in contanti, peraltro considerati sproporzionati, sanando le irregolarità soltanto l'anno successivo attraverso la normativa del ravvedimento operoso.

A nulla sono valse le doglianze dello stesso professionista, il quale sosteneva che la sopravvenuta regolarizzazione fiscale dei compensi percepiti avrebbe escluso il disvalore deontologico della sua condotta e che, inoltre, i compensi percepiti erano corretti, giacchè concordati con i clienti e, comunque, proporzionati all'attività svolta.

Per il Cnf, in linea con la precedenza giurisprudenza, la regolarizzazione tardiva da parte dell'avvocato, se vale a sanare la condotta sotto il profilo fiscale, è irrilevante con riferimento alla violazione deontologica, la quale permane, a prescindere dal danno all'erario, dato che il dovere di adempimento fiscale è finalizzato a proteggere il principio di solidarietà, comunque violato anche sotto l'aspetto della mancata contribuzione previdenziale.

Ad essere esclusa, invece, secondo il Consiglio, è la rilevanza deontologica del patto di quota lite, giacchè concluso dopo la riforma Bersani (l. n. 248/2006).

Secondo il Cnf, infatti, l'entrata in vigore della riforma ha cancellato il disvalore, etico e deontologico, dei patti di quota lite stipulati successivamente alla stessa. 

Leggi la sentenza n. 86/2014 del Cnf
(24/02/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Guide di diritto penale
» Magistrati: i 5 peggiori vizi che rendono furibondi gli avvocati
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF