CTR di Cagliari: il mutuo di importo superiore al prezzo dell'immobile non dimostra l'evasione fiscale

Non si può presumere tout-court che ci sia stata sottofatturazione dell'acquisto e non appare quindi legittima la rettifica del prezzo ai fini fiscali
mutui prestiti soldi crisi mutuo

In un caso deciso in secondo grado dalla sentenza n. 283/01/2014 della CTR di Cagliari, è stato affermato il principio secondo cui un mutuo di importo anche notevolmente superiore al prezzo dell'immobile acquistato non può far presumere tout-court che ci sia stata sottofatturazione dell'acquisto e non appare quindi legittima la rettifica del prezzo ai fini fiscali. 

Nel caso di specie, una società di persone del cagliaritano aveva effettuato 5 acquisizioni immobiliari nel giro dell'anno 2005, fruendo di mutui bancari di ammontare sensibilmente superiore (circa l'80%) ai prezzi indicati nei rispettivi atti di compravendita

La stessa società e i suoi soci venivano perciò sottoposti ad accertamento da parte dell'Agenzia delle Entrate che infine contestava loro una sottofatturazione degli acquisti e, quindi, una maggiore IVA dovuta. 

Se la CTP di Cagliari accoglieva le ragioni dell'Ufficio finanziario, rigettando il ricorso proposto dai contribuenti/soci, la CTR della stessa Regione ha invece sposato i motivi dei ricorrenti, ritenendo che il maggior valore dei mutui ottenuti, rispetto ai prezzi degli immobili risultanti dagli atti, appariva giustificato da una documentata sopravvalutazione della perizia realizzata dal tecnico dell'istituto di credito. 

La Commissione ha inoltre rilevato che l'erogazione di mutui di importi "abbondanti" rispetto allo scopo è prassi piuttosto usuale (specie nei periodi di congiuntura economica positiva) e già nota alla amministrazione finanziaria. 

Va ricordato che, in merito al problema della sottofatturazione del prezzo di un immobile, la Corte di Cassazione (sezione tributaria, sentenza n.  1549/2007) ha chiarito che l'ufficio finanziario può accertare l'esistenza di una simulazione relativa (prezzo di vendita) idonea a pregiudicare il diritto dell'amministrazione a percepire l'importo corretto dell'Iva senza bisogno di un preventivo giudizio di simulazione essendo compito del giudice tributario, in caso di contestazione, controllare incidentalmente, attraverso l'interpretazione del contratto che si ritiene simulato, l'esattezza dell'accertamento e la legittimità della pretesa tributaria.
(29/10/2014 - Mara M.)
Le più lette:
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Guide di diritto penale
» Magistrati: i 5 peggiori vizi che rendono furibondi gli avvocati
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF