Diritto di Famiglia

Avvocati e coppie miste - Il divorzio tra coniugi di diversa religione

Le statistiche parlano di una percentuale di interruzione del vincolo matrimoniale tra soggetti di religione cristiana e musulmana che si aggira intorno al 70%
coniugi in crisi seduti con cuore spezzato in mano
Di Laura Tirloni - I matrimoni misti tra soggetti di differente religione si sono triplicati nell'ultimo decennio attestandosi sui 590 mila, considerate anche le convivenze. Sempre più diffuso è dunque il matrimonio anche tra cristiani e musulmani, che il più delle volte vede il marito islamico e la moglie cristiana.

Al giorno d'oggi, un avvocato familiarista, si trova di conseguenza sempre più spesso chiamato ad occuparsi di matrimoni misti, all'interno dei quali risulta fondamentale che egli possa fornire ogni tipo di consulenza riguardo alla problematiche giuridiche, religiose e culturali che questo tipo di unioni possono incontrare.

Le statistiche dell'Associazione matrimonialisti italiani impietosamente riportano una percentuale di interruzione del vincolo matrimoniale tra soggetti di religione cristiana e musulmana che si aggira intorno al 70%, verosimilmente riconducibile all'emergere di profonde divergenze culturali, religiose e nello stile di vita che non riescono a trovare un loro punto di integrazione. 

A partire dalla differente visione del matrimonio tra le due religioni e dalla difficoltà che le donne italiane possono incontrare ad adattarsi alla cultura di appartenenza e alle regole, talvolta vissute come troppo restrittive, del marito musulmano.

Potrebbe essere molto utile, in questi casi, che i futuri coniugi potessero frequentare dei corsi di preparazione al matrimonio dedicati proprio alle coppie miste (come quelli gratuiti proposti dall'Associazione forense Ami ai servizi sociali) per aiutarli a compiere questo passo in modo più consapevole, consci delle reciproche differenze culturali e degli ostacoli che potrebbero sorgere, ma allo stesso tempo sostenuti ad identificare valori condivisi e aspirazioni comuni.

Spesso, invece, è l'avvocato che si trova a dover illustrare alla coppia mista i diritti e i doveri dei coniugi in base alla nostra legge, alla quale il coniuge musulmano è chiamato ad attenersi scrupolosamente, cosa che non sempre fa.

Ovviamente, la situazione diventa ancora più spinosa in presenza di minori nati dal matrimonio soprattutto nel caso, purtroppo non raro, di sottrazione dei figli nati da matrimoni misti, consumata da padri musulmani. I paesi musulmani, infatti, non hanno ratificato la Convenzione dell'Aja del 25 ottobre 1980. Questo comporta che gli eventuali figli minori sottratti illegalmente dai padri musulmani e condotti in Nord Africa o in medioriente, dove vige la patria potestà esclusiva, faranno ritorno dalla madre in Italia con estrema difficoltà. Quest'ultimo rappresenta senza dubbio l'aspetto più doloroso e preoccupante della crisi di un matrimonio contratto tra cristiani e musulmani.

Ma la deriva delle unioni miste talvolta può nascondere anche l'interesse, da parte del cittadino straniero, di ottenere la cittadinanza. Ci sono infatti stati casi in cui, attraverso il matrimonio, viene ottenuta la cittadinanza e in seguito richiesto il ricongiungimento familiare con l''altra moglie musulmana.

Un contesto interculturale estremamente complesso dunque, all'interno del quale l'avvocato deve muoversi con competenze differenziate ed estrema cautela.

(23/10/2014 - Laura Tirloni)
Le più lette:
» Avvocati: cassazionisti senza esami per tutti gli iscritti ante riforma
» Avvocati: albi online senza segreti
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Affitto: la cauzione va restituita anche in caso di danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF