Sei in: Home » Articoli

Spagna: analizziamo il diritto alla disoccupazione per i lavoratori interinali

Nel nostro articolo di oggi, vogliamo focalizzare l'attenzione su alcuni aspetti che riguardano da vicino tutti i lavoratori interinali, anche in ragione della crisi economica

LUCA VACCARI - C.E.O. at A. F. & G. - Nel nostro articolo di oggi, vogliamo focalizzare l'attenzione su alcuni aspetti che riguardano da vicino tutti i lavoratori interinali, anche in ragione della crisi economica, che ha spinto le amministrazioni pubbliche a ridurre il tempo di lavoro degli stessi dipendenti pubblici. 


In effetti, esistono diverse disposizioni di legge che riguardano da vicino il diritto alla disoccupazione ed altre prestazioni dello stato sociale: vediamo quindi quali sono le più significative.

 

La legge nr. 1/1994 del 20 giugno, ha per esempio delle precise disposizioni applicabili al caso dei dipendenti, così come indicate nell'articolo 205, e che esplicita al meglio nell'articolo 208, cpv. 1 e numero 3, le condizioni per considerare una persona disoccupata, e che in sostanza si possono riassumere in una riduzione del tempo di lavoro tra il 10 e il 70 percento rispetto al normale, con ricadute ovviamente medesime anche a livello di retribuzione del lavoratore.

 

In linea di conto, rientra anche la condizione che questa riduzione del tempo di lavoro avvenga comunque in modo temporaneo, e non già che subentri in forma di una revisione a tempo indeterminato del contratto che regola il rapporto di lavoro. Un ostacolo, tuttavia, alla chiara definizione di questi diritti di erogazione di contributi sociali – e non di poco conto – lo si trova a livello di statuto dei lavoratori, che a tale proposito nega l'estendibilità ai dipendenti pubblici.

 

Ancor prima di stabilire nel singolo caso se una persona abbia o meno diritto alla disoccupazione quando si trova nella condizione di essere un lavoratore interinale per l'amministrazione pubblica, è importante capire come i tribunali si siano pronunciati in questo senso. Da questo punto di vista, il Tribunal Supremo si è espresso con diverse sentenze stabilendo che si possa arrivare a riconoscere il diritto a indennità di disoccupazione anche in situazioni dove status lavorativo e legale non sono perfettamente coincidenti.

 



Di principio, non esistendo una norma avversativa, si può affermare che al lavoratore interinale nell'amministrazione pubblica, per analogia, si possono applicare in linea di massima le stesse condizioni previste dallo statuto dei lavoratori per altri tipi di rapporti e contratti di lavoro, sebbene lo stesso non si occupi di dipendenti del settore pubblico. A dover prevalere, in linea di conto nel momento in cui si tratti di prendere una decisione al riguardo, è la legge sulla previdenza sociale.

 

In conclusione, poi, vanno anche tenute in considerazione quelle disposizioni dello statuto di lavoratore che specificano, in modo chiaro, quali siano le condizioni per ridurre il rapporto di lavoro – con ricadute sulla retribuzione – in modo tempestivo e senza pregiudizio per il datore. Anche nel caso delle amministrazioni pubbliche, infatti, sono previste dallo statuto dei lavoratori delle clausole di garanzia applicabili ai lavoratori interinali, che prevedono l'obbligo del datore di assumersi i costi di errori della mancata corretta gestione del contratto di lavoro.




Studio Legale e di consulenza aziendale in Spagna

Ana Fernandez & Geval

Indirizzo: Calle General Urrutia, 75 – 7A - 46013 Valencia (Spagna)

Tel: +39 0861 18 86 156

Email: abogadafernandez@nonbisinidem.com


Contatti con lo Studio Legale Ana Fernandez & Geval


Brochure dello studio legale

(15/10/2014 - L.V.)
Le più lette:
» Avvocati: fino a 500 euro al mese di contributi per pagare i praticanti
» Come si redige il ricorso per Cassazione? La "road map" in una sentenza della Suprema Corte
» Addio compenso per l'avvocato poco accorto
» Drogometro: al via in tutta Italia
» Responsabilità magistrati: il cittadino può agire direttamente per chiedere i danni
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno alla ex laureata che torna da mammàDivorzio: niente assegno alla ex laureata che torna da mammà
È legale vietare l'accesso alle famiglie con bambini nei ristoranti?È legale vietare l'accesso alle famiglie con bambini nei ristoranti?
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF