Dal 3 novembre obbligo di registrazione alla Motorizzazione di chi usa stabilmente l'auto aziendale. In allegato il PDF della circolare ministeriale

Le norme in oggetto cominceranno ad applicarsi solo a partire dal 3 novembre, senza retroagire ai casi di utilizzo di auto aziendale iniziati precedentemente

Dal prossimo 3 novembre sarà obbligatorio registrare alla Motorizzazione e annotare sulla carta di circolazione anche il nome della persona – non intestataria – che ha la disponibilità di un'automobile aziendale per più di 30 giorni consecutivi. Inoltre, l'intestatario della macchina sarà altresì tenuto a registrare ed annotare ogni variazione di ditta (per le persone fisiche) o denominazione sociale (persone giuridiche) dell'azienda

La sanzione prevista per chi non ottempera?  705 euro di multa e ritiro della carta di circolazione

Al fine di limitare frodi e abusi e di individuare con facilità i reali responsabili di incidenti e infrazioni al Codice della strada tale norma era già stata introdotta dalla Legge 120/2010 di riforma del Codice della Strada, e successivamente regolata dal Decreto Ministeriale di attuazione in vigore dal dicembre 2012. Tuttavia, soltanto adesso – a due anni di distanza –, con la emanazione di una disciplina dettagliata di cui alla circolare ministeriale n. 15513 e l'introduzione del sistema informatico necessario, le disposizioni stanno per diventare finalmente operative. La ragione di tanto ritardo è in parte imputabile a un certo “ostruzionismo” opposto dai rappresentanti dei vari soggetti interessati, contrari ad un appesantimento degli oneri burocratici. 

In ogni caso, le norme in oggetto cominceranno ad applicarsi solo a partire dal 3 novembre, senza retroagire ai casi di utilizzo di auto aziendale iniziati precedentemente: ciò significa che nessun obbligo si impone a chi già dispone di un veicolo non proprio senza che il suo nome sia stato registrato alla Motorizzazione né annotato sulla carta di circolazione. Tuttavia, nulla vieta a costoro – se lo vogliano – di “regolarizzare” la propria posizione.

Allegato: circolare ministeriale n. 15513 

(18/10/2014 - Mara M.)
Le più lette:
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Avvocati: albi online senza segreti
» Condominio: multe fino a 2.500 euro per chi non adegua i termosifoni
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Tribunale degli Animali: gli avvocati a difesa dei "pelosi" dopo il divorzio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF