Diritto di Famiglia

Cassazione: Non basta affermare che la moglie è troppo gelosa per abbandonare il tetto coniugale

divorzio id11711
Avv. Silvia Delcuratolo (Bari)
E-mail: silvia.delcuratolo@libero.it

In un caso esaminato dalla Corte di Cassazione (sentenza n. 18871 dell'08/09/2014) un marito ha abbandonato la casa coniugale affermando che la scelta di andarsene era stata determinata dalla eccessiva gelosia della moglie che avrebbe così determinato una intollerabilità della convivenza coniugale. 

Ma delle parole alla verità processuale c'è davvero un abisso. L'uomo infatti non ha fornito in giudizio una prova adeguata del suo assunto mentre la moglie (che forse qualche ragione per essere gelosa l'aveva) è riuscita a dimostrare che in realtà l'uomo se ne era andato per via di una relazione extraconiugale con altra donna.

In primo grado il Tribunale di Napoli, nel pronunciare la separazione ne aveva addebitato la colpa al marito rilevando tra l'altro che non risultava dimostrato che l'abbandono della casa coniugale fosse avvenuto in un momento in cui la convivenza era divenuta intollerabile e che la gelosia ne fosse stata la causa.

Anche giudici d'appello confermavano la sentenza di primo grado e la vicenda finiva dinanzi alla suprema Corte di Cassazione dove l'ex marito evidenziava che il suo comportamento non era consistito in una volontaria violazione degli obblighi nascenti dal matrimonio ma che era solo la diretta conseguenza della intollerabilità della prosecuzione della convivenza dovuta alla gelosia della moglie. 

Una tesi che non ha fatto breccia presso i giudici della Cassazione che hanno così confermato la sentenza della Corte di Appello, ritenendo che questa abbia correttamente ritenuto non plausibili le ragioni del marito in mancanza di un supporto probatorio sul punto, e, di contro, ha rilevato la sussistenza di elementi che suffragavano la tesi della moglie, la quale attribuiva l'abbandono della casa familiare da parte del marito alla relazione extraconiugale intrattenuta dallo stesso.

Avv. Silvia Delcuratolo (Bari) 
E-mail: silvia.delcuratolo@libero.it

Testo della sentenza della Corte di Cassazione n. 18871 /2014
Avv. Silvia DelcuratoloAvvocato civilista e matrimonialista Silvia Delcuratolo
Studio legale Verdebello - Delcuratolo
Via Don Luigi Guanella, 15/G - 70124 Bari - fax 080.5023763 - Mobile: 333.1790189
Sito internet: www.studiolegaleverdel.it - E-mail: silvia.delcuratolo@libero.it
(17/09/2014 - Avv. Silvia Delcuratolo)
Le più lette:
» Avvocati: cassazionisti senza esami per tutti gli iscritti ante riforma
» Avvocati: albi online senza segreti
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Affitto: la cauzione va restituita anche in caso di danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF