Portiere nel sottoscala? I condomini lo risarciscano per l'artrosi!

giudice sentenza martello

"Confinare" il portiere di uno stabile in un locale insalubre - come un seminterrato, o un appartamento umido e senza finestre - potrebbe costare caro ai condomini. Può infatti determinare danni per la salute.

È quanto accaduto in una vicenda presa in esame dalla Corte di Cassazione  relativa al contenzioso tra una portiera e il condominio presso il quale lavorava.

La donna aveva trascorso anni al chiuso di un seminterrato estremamente umido e ciò aveva determinato un aggravamento dei dolori e delle difficoltà di movimento legati alla sua artrosi. 

Ricorrendo avverso le sentenze di merito che escludevano il nesso di causalità tra lo svolgimento dell'attività di portierato nel sottoscala e il peggioramento della malattia già in atto, la donna ha invece visto riconoscersi in terzo grado la fondatezza delle sue pretese. 

Secondo la Cassazione (sentenza 18247/2014) l'ex lavoratrice ha diritto al risarcimento del danno non patrimoniale, sulla base del rilievo che anche laddove il rapporto di consequenzialità fra i disturbi fisici e l'ambiente di lavoro non possa dirsi con totale certezza "esclusivo, assoluto e determinante", è da ritenersi comunque sufficiente - come causa concorrente del danno - a configurare un diritto al risarcimento.

(01/09/2014 - Mara M.)
Le più lette:
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Guide di diritto penale
» Magistrati: i 5 peggiori vizi che rendono furibondi gli avvocati
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF