Sei in: Home » Articoli

Cassazione: se l'ex coniuge muore gli eredi possono proseguire il giudizio sulla quantificazione dell'assegno di mantenimento

cassazione sentenza
La pronuncia sul divorzio deve considerarsi un capo autonomo della sentenza e, pertanto, in mancanza di impugnazione, la pronuncia sulla cessazione degli effetti civili del matrimonio passa in giudicato anche se è ancora pendente il giudizio d'appello sulle questioni patrimoniali come quelle relative alla quantificazione dell'assegno di mantenimento.

Proprio per tali ragioni il giudizio relativo alle questioni patrimoniali può proseguire anche dopo la morte di uno dei coniugi.

E quanto ricorda la corte di cassazione con la sentenza 16.951 del 24 luglio 2014.

Poco importa che la morte possa aver determinato la cessazione della materia del contendere nel giudizio di divorzio (come accade anche nei giudizi di separazione). La cessazione della materia contendere in tal caso è infatti legata al venir meno dello stato di coniuge che non può ovviamente essere trasmesso agli eredi.

Per le questioni patrimoniali gli eredi possono proseguire il giudizio e chiedere la determinazione dell'assegno che ha pur sempre dei riflessi di natura patrimoniale su di loro.

Nel caso preso in esame dai giudici di piazza Cavour era stata richiesta la liquidazione dell'assegno di divorzio al fine dell'accertamento del diritto alla pensione di reversibilità.
Sia il tribunale sia la corte d'appello avevano però respinto la domanda ed il caso era finito in Cassazione dove la ricorrente ha lamentato che i giudici di merito non avevano considerato che l'espressione "titolare di assegno ai sensi dell'art. 5" contenuta nell'art. 9 della legge n. 898/1970  deve intendersi riferita alla "titolarità in astratto" e non in concreto del diritto all'assegno. 
Testo ordinanza Corte di Cassazione 24 luglio 2014, n. 16951
(31/07/2014 - A.V.)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF