Sei in: Home » Articoli

Cassazione: conversione del contratto di somministrazione in quello a tempo indeterminato se la causale non è concreta

giudice sentenza martello cassazione

"La legittimità della causale indicata nel contratto in somministrazione non significa che la stessa renda legittima l'apposizione del termine a prescindere dalla prova della sussistenza in concreto di una situazione che sia riconducibile alla ragione indicata in contratto."
E' quanto ribadito dalla Corte di Cassazione che, con sentenza n. 20598/2013, ha rigettato il ricorso proposto da Poste Italiane avverso la sentenza con cui i giudici di merito avevano ritenuto illegittima la clausola apposta ad un contratto di somministrazione non per la sua genericità, bensì perché "dalla documentazione versata in atti e dalle circostanze riferite dai testimoni qualificati (...) emerge la conferma della predisposizione a livello nazionale - all'epoca - del progetto della nuova rete nonché l'avviamento della nuova rete di trasporti locali 'week end', senza tuttavia apprezzabili variazioni, in termini di conseguenziali necessità di adeguamento delle risorse umane estese al CPO di P., che, viceversa, seguitava a funzionare nella modalità ‘manuale’ (mentre era stato meccanizzato il Centro di smistamento della corrispondenza di Ancona)".
Nello specifico il lavoratore veniva assunto con un contratto di fornitura di lavoro temporaneo per rispondere al fabbisogno di personale connesso a situazioni di mercato congiunturali e non consolidabili rinvenibili nel progetto ‘week end’; tuttavia la Corte di merito ha ritenuto "carente la prova che tale situazione avesse comportato per la filiale di P. una contingente necessità temporanea di fabbisogno di ulteriore personale" e non è stata dimostrata "una specifica situazione in relazione alla filiale di P. di un maggiore fabbisogno di personale connesso a situazioni di mercato congiunturali e non consolidabili" (come invece richiesto dal ccnl invocato)."
Corretta, dunque la decisione della Corte d'Appello che, accertato che la somministrazione di lavoro di cui al contratto di fornitura, è avvenuta fuori dei limiti e delle condizioni di cui all'art. 20, comma 4, del D.Lgs. 276 del 2003, ha disposto la costituzione dall'inizio della somministrazione, del rapporto di lavoro a tempo indeterminato.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(17/09/2013 - L.S.)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Con la depressione si può avere la 104?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF