Sei in: Home » Articoli

Condizioni generali di contratto e clausole vessatorie

In tema di condizioni generali di contratto, l'esigenza della specifica approvazione: per iscritto di una clausola onerosa o vessatoria, quale quel la derogativa della competenza territoriale la cui, mancanza comporta nullità assoluta e rilevabile anche di ufficio della clausola medesima, postula una sottoscrizione autonoma e separata rispetto a quella riferentesi agli altri patti contrattuali e, pertanto, non può ritenersi soddisfatta nel caso in cui il contraente per adesione apponga un'unica firma in calce al modulo a stampa predisposto dall'altro contraente oppure, apponendone due, con la seconda si limiti ad approvare genericamente e globalmente in tutte le clausole previste nel contratto, "ai sensi degli artt. 1341 e 1342 cod. civ.". Infatti, l'approvazione di tali clausole deve essere specifica e separata così da richiamare l'attenzione del sottoscrittore su di essa, ancorché non sia necessaria 1a ripetizione del suo contenuto.
Corte di Cassazione sentenza 18680 del 5 dicembre 2003
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(25/12/2003 - www.cassazione.it)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF