Sei in: Home » Articoli

Cassazione: il vizio del contratto di lavoro interinale causa la sua conversione in rapporto a tempo indeterminato alle dirette dipendenze del datore effettivo

impiegato impiegati lavoro

di Licia Albertazzi  - Corte di Cassazione Civile, sezione lavoro, sentenza n. 11411 del 13 Maggio 2013.La genericità della clausola presente nel contratto di lavoro temporaneo, riportante testualmente “casi previsti dal ccnl”, senza specificare a quale ccnl si fa espresso riferimento, genera invalidità dell'accordo stesso, consentendo una conversione dello stesso in un contratto di lavoro a tempo indeterminato alle dirette dipendenze del datore di lavoro effettivo, avente decorrenza dal giorno di assunzione.

Lo ha deciso la Cassazione Civile nella sentenza in oggetto, accogliendo il ricorso di un lavoratore interinale.

 

“Il contratto, pertanto, invece di specificare la causale all'interno delle categorie previste dalla legge, si limita a riprodurre il testo della lett. A) dell'art. 1 della legge (l. 196/1997) senza compiere alcuna specificazione: non si specifica a quali contratti collettivi nazionali applicabili all'impresa utilizzatrice si fa riferimento, né, tanto meno, come sarebbe necessario, a quale delle ipotesi previste dalla contrattazione collettiva si fa riferimento”. Di conseguenza “la genericità della causale rende il contratto illegittimo, per violazione dell'art. 1, primo e secondo comma, della legge 196 del 1997, che consente la stipulazione solo per esigenze di carattere temporaneo rientranti nelle categorie specificate nel secondo comma, esigenze che il contratto di fornitura non può quindi omettere di indicare”. Così le illegittimità del contratto di fornitura, violando le norme sul divieto di interposizione e intermediazione nelle prestazioni di lavoro, si riflettono direttamente sul legittimo contratto per prestazioni di lavoro temporaneo: il contratto viziato si converte ipso iure in un contratto a tempo determinato alle dirette dipendenze del datore di lavoro effettivo.

Vai al testo della sentenza 11411/2013
(19/05/2013 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Autovelox: obbligo di doppia segnalazione
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Legge Gelli-Bianco: un quadro di sintesi della riforma della responsabilità medica
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Equo compenso avvocati: quali sono le clausole vessatorieEquo compenso avvocati: quali sono le clausole vessatorie
Multa di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minoriMulta di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minori
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF