Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Praticanti avvocati: il diploma rilasciato dalle scuole di specializzazione

Con circolare n. 30-B/2003 del 24/10/2003 rivolta ai Consigli Forensi Locali, il Consiglio Nazionale ha finalmente cercato di sciogliere un nodo interpretativo cruciale: quale è il valore da attribuire al diploma rilasciato dalle scuole di specializzazione legale in relazione alla pratica richiesta per accedere all?esame di Stato. Il Consiglio ha precisato che, in base al decreto ministeriale 475/2001 il diploma conseguito presso le scuole forensi esonera il praticante dal compimento di un anno di tirocinio professionale. Se ciò non fosse, infatti, ?si finirebbe con l?estendere a tre anni il periodo di pratica forense, realizzando un?ingiustificata disparità di trattamento rispetto agli altri praticanti?. In ogni caso, il Consiglio ha ribadito che ?il periodo complessivo di formazione post laurea del praticante non può essere inferiore a due anni solari? specificando che ?solo il possesso del diploma, e non la mera frequenza delle scuole di specializzazione, comporta l?effetto favorevole previsto dal decreto ministeriale 475/01.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(11/11/2003 - Francesca Romanelli)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF